Da comparsa a titolare, Accardi si è ripreso il Palermo: i numeri e quelle parole di Boscaglia…

Quella di sabato contro la Cavese sarà la sesta presenza consecutiva da titolare in campionato

“Da comparsa a titolare. La scalata è stata dura ma alla fine il difensore si è ripreso il Palermo”.

Titola così l’edizione odierna de “La Gazzetta dello Sport”, che punta i riflettori su Andrea Accardi. Unico superstite del vecchio Palermo dopo la mancata iscrizione al campionato di Serie B ed il conseguente fallimento, il duttile difensore palermitano ha scelto di ripartire dai dilettanti. In Serie C ha già collezionato dodici presenze: sei volte da centrale e cinque da esterno destro, complice l’infortunio di Almici. Mai finora aveva giocato tante partite di fila con la maglia del Palermo. Quella di sabato contro la Cavese sarà la sesta presenza consecutiva da titolare in campionato.

Il numero 4 rosanero l’anno scorso, invece, non è riuscito a trovare molto spazio, collezionando in totale 16 presenze, di cui soltanto 10 dal primo minuto. “Dalla bocca di Accardi però, non è mai arrivata una lamentela o una parola fuori posto”, ricorda la Rosea. Un atteggiamento che gli ha fatto guadagnare la stima della dirigenza e dell’intero ambiente, con il giocatore che oggi può contare anche sulla fiducia di Roberto Boscaglia. “Per me è una piacevole sorpresa”, ha dichiarato di recente il tecnico del Palermo in merito alle prestazioni offerte fin qui dal classe 1995.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy