Catania, Lo Monaco: “Palermo di nuovo in Serie B? Resa giustizia. Mi aveva sorpreso una cosa…”

Catania, Lo Monaco: “Palermo di nuovo in Serie B? Resa giustizia. Mi aveva sorpreso una cosa…”

Le dichiarazioni rilasciate dall’amministratore delegato del Catania, ex dirigente del Palermo Calcio

“Se sarà B andremo avanti con un programma, in C con un altro. Bisogna aspettare il responso di questa fase finale”.

Parola di Pietro Lo Monaco. Diversi sono stati i temi trattati dall’amministratore delegato del Catania, che questa sera sfiderà il Trapani nel match valido per la semifinale di ritorno dei playoff di Serie C: dal caso Palermo, penalizzato di venti punti dalla Corte Federale d’Appello che ne ha decretato, dunque, il ritorno in serie cadetta, alla finale di ritorno dei playoff di Serie B in programma questa sera tra Hellas Verona e Cittadella.

PALERMO – “È stata resa giustizia. Mi aveva sorpreso la celerità di giudizio che hanno adottato nei confronti del Palermo. Sono contento che sia finita così. Conte dalla Juventus all’Inter come io dal Catania al Palermo? Alla fine la gente legittima il lavoro delle persone. Un professionista ha il dovere di fare il proprio lavoro a prescindere dalla piazza dove si trova. Conte è un grandissimo tecnico, è stato attratto dalla bontà del progetto dell’Inter e farà benissimo. Per la Juventus Conte è stato un allenatore importantissimo, ma la vita continua. E ci può stare che un professionista vada a svolgere la propria attività da un’altra parte”, sono state le sue parole.

CITTADELLA – “Una grande sorpresa, ma fino ad un certo punto. Ha un dirigente bravo, capace che ha operato benissimo. Quando sei competitivo per anni ci sta che fai il grande salto. Con il risultato della partita d’andata messo una discreta ipoteca sul passaggio. Il 2-0 è incoraggiante”.

TRAPANI-CATANIA – “Il risultato dell’andata cambia sostanzialmente poco e a Trapani ci si gioca tutto. Il Trapani insieme al Catanzaro è la squadra che ha giocato meglio. L’allenatore è bravo, serio, competente. Ha dimostrato di avere qualità, la squadra si esprime. Magari non condivido l’analisi che ha fatto subito dopo la partita: nel primo tempo hanno avuto una supremazia territoriale, ma i gol sono stati frutto di un’improvvisazione. Così come quello di Lodi è stata una gran furbata, ma una grandissima esecuzione balistica. E il rigore checché ne possa dire Italiano era netto”, ha concluso Lo Monaco.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy