Caos Serie B: operatori dell’informazione di Palermo lanciano hashtag #giustiziaperilpalermo

Caos Serie B: operatori dell’informazione di Palermo lanciano hashtag #giustiziaperilpalermo

“Privare il diritto acquisito di disputare i play-off per via di una sentenza resa immediatamente esecutiva, con enormi dubbi sul principio regolamentare, in evidente conflitto d’interessi e senza concedere una prova d’appello, è intollerabile e ingiusto”

Una lettera aperta alla città, alle istituzioni e alla tifoseria, una lettera per dare un segnale forte di presenza e di unità, non invocando sconti di pena per grazia ricevuta o favoritismi di sorta, semplicemente chiedendo una giustizia che sia tale, libera di fare il suo corso fino in fondo e senza accelerazioni coatte, nel rispetto delle regole, dei valori dello sport e dei tifosi”. È questo l’intento di una lettera firmata da una quarantina di operatori dell’informazione di Palermo dopo il caos che ha coinvolto il club rosanero.

Una retrocessione d’ufficio in Serie C non è mai facile da accettare, specialmente quando questa non viene dal responso del campo, ma del “palazzo” – si legge nella nota – In un campionato nel quale era stato regolarmente ammesso, il Palermo ha conquistato un piazzamento d’alta classifica: privare il diritto acquisito di disputare i play-off per via di una sentenza resa immediatamente esecutiva, con enormi dubbi sul principio regolamentare, in evidente conflitto d’interessi e senza concedere una prova d’appello, è intollerabile e ingiusto. È necessario prendere posizione per buon senso, da cittadini e sportivi prima che da operatori dell’informazione, perché ciò che sta accadendo oggi con Palermo – e non solo con il Palermo – potrà capitare in altre circostanze, a qualunque altro sodalizio. Con senso del dovere e particolare attenzione racconteremo con le nostre penne, la nostra voce e le nostre tastiere questa vicenda, e lo faremo perché riteniamo importante che venga fatta al più presto #giustiziaperilpalermo”.

Invitiamo inoltre tutti coloro che leggeranno questo testo – concludono – a postare lo stesso hashtag sui propri social, per sensibilizzare su questo tema non solo i tifosi di Palermo, ma anche quelli di altre città d’Italia”.

 

6 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Il Profeta - 1 anno fa

    … e’ possibile che nel calcio la legalità non è mai rispettata ?! Richiediamo iscrizione a campionato estero.
    Auguro , il bene più splendido a tutti coloro che hanno ordito questo scenario.
    Auguro , soprattutto , lunga vita a zamparini.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Panormus - 1 anno fa

    La Figc una cricca di compari. Che basta..di. Palermitani del mondo mobilitiamoci! Forza Palermo sempre

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. ruby - 1 anno fa

    Palermo merita di stare in serie A come blasone tifoseria e città se proprio doveste penalizzare il palermo dovreste cercare di dare la giusta sentenza lasciando il palermo in serie B.
    la retrocessione in serie c sarebbe una condanna troppo severa mai stata data e sarebbe una condanna per i tifosi rosanero che non meritano.
    forza palermo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Rosanero10 - 1 anno fa

    invece di fare del vittimismo anche voi giornalisti perche non parlate dell innominabile bastsardo che ci a affossato.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. ghepardo - 1 anno fa

    Salve, …. servono delle azioni forti che facciano capire che, oltre che la legge, anche la giustizia deve essere uguale per tutti. Personaggi in evidente conflitto d’interesse ed in malafede hanno deciso le sorti di una squadra e di una città. Può sembrare assurdo, ma anche qui vedo la questione meridionale manifestarsi e tutto il meridione prende uno schiaffone gratuito. MERIDIONALI UNIAMOCI!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. EN28 - 1 anno fa

    Non credete sia il caso di denunciare quella parte del TFN direttamente coinvolta in evidenti interessi propri con l’accusa di “interessi privati in atti d’ufficio? Cosa ne pensate?

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy