Caos Palermo, oggi il Consiglio di Amministrazione: Foschi si è rifiutato di depositare tre contratti…

Caos Palermo, oggi il Consiglio di Amministrazione: Foschi si è rifiutato di depositare tre contratti…

Ancora tanta confusione attorno al club rosanero: Foschi resta in bilico, gli inglesi preferiscono defilarsi. Possibile nomina di Facile come presidente

Fine dei giochi.

Altro caos e dubbi attorno alla situazione che sta attraversando il club di viale del Fante. Nella giornata di ieri, piuttosto che pensare a puntellare la rosa a disposizione di Roberto Stellone, i rosanero hanno vissuto 24 ore di ordinaria follia. Incertezze su incertezze: prima il licenziamento di Foschi, poi l’addio di Clive Richardson ed infine il saluto di Holdsworth.

I problemi potrebbero risolversi, quantomeno parzialmente, nella giornata di oggi quando si terrà il consiglio di amministrazione del Palermo, quello che potrebbe vedere l’uscita definitiva di scena da parte di Clive Richardson, con la possibile nomina di Emanuele Facile come presidente. Una situazione assai complicata e intrecciata in virtù di quello che è accaduto nel corso dell’intero mese di gennaio. A far calmare le acque nel tardo pomeriggio di ieri ci ha provato proprio l’amministratore delegato Facile, incontrando a Milano Rino Foschi e rassicurandolo sul futuro dei rosanero.

Lo scontro tra Foschi e gli inglesi si protrae da svariate settimane ma l’apice è stato raggiunto con il rifiuto da parte dell’esperto dirigente romagnolo di depositare i contratti già praticamente pronti di tre giocatori contattati e scelti da Richardson e Holdsworth. A rivelarne i profili è il quotidiano La Repubblica:

Un nigeriano con passaporto comunitario che milita nel campionato inglese, un camerunense che gioca nel campionato americano, che per altro non era tesserabile per via della norma che impedisce l’ingaggio di extracomunitari in serie B e un giocatore spagnolo, Pedro Chirivella, centrocampista del Liverpool andato poi in prestito all’Extremadura. Inoltre il diesse non ha ratificato l’ingaggio del norvegese Gunnarsson.

Confusione su come agire e come muoversi che ha parallelamente coinvolto altri club, come il Frosinone. I ciociari avevano raggiunto l’accordo con Haitam Aleesami ma non sapevano con chi concludere la negoziazione. Il quotidiano sopracitato svela però un interessante retroscena: “In realtà hanno fatto una proposta a Foschi inferiore ai 200 mila euro per il cartellino, ricevendo un rifiuto stizzito“. Il Palermo chiude così il mercato di gennaio col solo rientro dal prestito di Simone Giuliano dal Pro Piacenza e le cessioni di Struna agli Houston Dymano ed Embalo al Cosenza…

5 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. sbt5 - 1 anno fa

    Nessun dipendente si può rifiutare ad eseguire ordini del datore di lavoro a meno che non sia spalleggiato dal presunto proprietario MZ.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. ele - 1 anno fa

      Se tu ti sentissi scavalcato dal tuo incarico ,dal tuo ruolo, altro che eseguire ordini ,Foschi non e’ mica un militare!Sei un grande Rino,fai si che il Palermo si ricomponi ,tu lo sai fare per riprenderci quanto ci hanno negato alla fine dello scorso campionato :la serie A Rosanero siempre

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. francogianni - 1 anno fa

    Qualora ce ne fosse stato bisogno, i ciociari hanno dimostrato la loro signorilità on questa offerta-elemosina per l’acquisto di Alesami…bene ha fatto foschi a mandarli a quel paese!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. secretlandx - 1 anno fa

      E tu simpaticone di dove sei ? Prima di parlare dei ciociari magari pulisciti la bocca. E se sei del Palermo ci vuole coraggio a parlare di signorilità…con una società barzelletta riferibile a persone sottoposte a plurimi procedimenti penali.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. ele - 1 anno fa

        Vai a lanciare palloncini pure tu ma con signorilita’del calcio !!! Rosanero siempre !!!

        Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy