Mediagol
I migliori video scelti dal nostro canale

mixed zone

Baldini: “Non bisognava giocare col peso di Foggia. Luperini e Dall’Oglio? Vi spiego”

Baldini: “Non bisognava giocare col peso di Foggia. Luperini e Dall’Oglio? Vi spiego”

Le dichiarazioni post gara di mister Baldini a seguito di Palermo-Turris, terminata 5-0 in questa 28^a giornata di Serie C girone C

Mediagol ⚽️

Parola a Silvio Baldini. Un Palermo strepitoso ha demolito la Turris con un 5-0 che "vendica" la batosta della gara d'andata della compagine allenata ai tempi da Giacomo Filippi a Torre del Greco e che allo stesso tempo lascia alle spalle il doloroso ko di Foggia. Partita mai messa in discussione, con i rosanero saldamente al comando già dai primi minuti di gioco. Lancini ha cercato di pescare Brunori ma Sbraga ha aperto involontariamente le marcature, con le successive reti di Floriano, Brunori, Luperini e Soleri. Il prossimo avversario del Palermo sarà la Virtus Francavilla, sconfitta a Catania in questa ventottesima giornata di campionato. Queste le dichiarazioni nella mixed zone del tecnico nativo di Massa:

"In questo percorso dobbiamo mettere tanta fatica e passione. Se ci sono queste due cose è facile far bene. Per giocare questo calcio bisogna lavorare molto intensamente, come stanno facendo i ragazzi. Non bisognava giocare con il peso di quel 4-1, perché se il Palermo gioca con lucidità e crede in sé stesso riesce a fare la prestazione. Se queste cose non ci sono la partita può mettersi su un binario sbagliato. Luperini? Potremmo vedere tanti tipi di giocatori nella sua posizione, a me basta che i ragazzi siano utili alla causa del Palermo, che deve essere una squadra coraggiosa e che si assuma le proprie responsabilità, a prescindere dalla posizione finale in campionato. La difesa a tre può essere ancora fatta, i ragazzi ne sono capaci. A Foggia, quando Felici ha giocato a sinistra, abbiamo avuto problemi. Se avesse giocato in attacco il Foggia avrebbe avuto problemi. Non abbiamo avuto il coraggio di credere in ciò che stavamo facendo, dando loro la possibilità di esaltarsi. Con la difesa a 4 abbiamo più certezze, ma questo perché li alleno di più cercando di fargli capire le scalata giuste per anticipare gli avversari. Negli ultimi 5 minuti avrei potuto accontentare qualcuno che gioca di meno, ma ho messo Dall'Oglio per fargli provare di nuovo l'adrenalina di tornare in campo. Lui è un giocatore fondamentale per noi, e mi dispiace di aver reso scontento qualcuno ma io devo fare solo il bene del Palermo".

tutte le notizie di