Real Madrid-Liverpool, Zidane: “Partita perfetta, testa al ritorno. Io in Serie A? Vedremo…”

Ecco le parole del tecnico dei ‘blancos’

Real Madrid

Contenti per la prestazione, concentrazione alta per il ritorno.

Queste le parole di Zinedine Zidane, intervenuto al termine della sfida di Champions League contro il Liverpool. La gara valida per l’andata dei quarti di finale della competizione è stata vinta proprio dai blancos, riusciti ad imporsi sulla formazione britannica con il punteggio finale di 3-1. Una prova convincente da parte della franchigia madridista, riuscita a surclassare i Reds senza dargli quasi mai la possibilità di riaprire la gara. Ecco le parole di Zidane, rilasciate in esclusiva ai microfoni di Sky Sport: “Contenti della prestazione che abbiamo fatto, ma c’è ancora una partita di ritorno con la quale dovremmo conquistarci la qualificazione. Abbiamo giocato una partita perfetta, sotto tanti punti di vista. Siamo soddisfatti del nostro lavoro, sudiamo ogni giorno per serate così. Scelte di formazione? La positività di Varane ha dato a Militao la possibilità di giocare, ma non è cambiato nulla per l’impostazione della partita. Avevamo studiato una difesa a quattro e l’ingresso di Militao non ha cambiato i nostri piani. Vinicius? Sono contento per lui, gli mancava il gol. Sta lavorando benissimo, anche difensivamente dove sta facendo un grande lavoro. Ha fatto due gol che valgono tantissimo, contento per lui e per la squadra.

Real Madrid-Liverpool, Klopp: “Troppo poco per andare in semifinale. Ad Anfield possiamo fare una cosa”

Champions League

Zidane si è poi concentrato sulla prestazione di Asensio e sul suo rapporto con Alex Del Piero, rispondendo anche ad una domanda legata ad un suo possibile futuro in Italia:”Asensio? Sono 4/5 partite che segna, per noi è importante creare così tante occasioni. Potevamo anche segnare più di tre gol. Del Piero? Abbiamo giocato tanti anni insieme, apprezzo i suoi complimenti. Lavoro ogni giorno per migliorarmi come allenatore..anche se è difficile fare meglio di quando ero giocatore. L’Italia è sempre nel mio cuore, i 5 anni alla Juventus sono stati importantissimi, così come Del Piero. Se allenerò in Serie A? Adesso sono a Madrid, vedremo”.

Champions League, Real Madrid-Liverpool: un Vinicius Junior devastante ipoteca la semifinale per i Blancos

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy