Palermo, doppio rebus: poker di sfide con vista playoff, il dilemma di Mirri su nuovi investitori e futuro del club

Palermo alle prese con questioni di campo e rebus societario

palermo

Alla vigilia del delicato snodo playoff contro il Foggia, il Palermo si interroga su scenari legati al presente e prospettive future.

L’edizione odierna del “Corriere dello Sport”, sulle pagine regionali, approfondisce il momento interlocutorio in casa rosanero. Corsa playoff e nuovo assetto societario in vista della prossima stagione. Il club di proprietà di Hera Hora gioca su due tavoli: rush finale sul manto erboso per scalare qualche posizione nelle ultime quattro gare della regular season, grandi manovre dietro la scrivania per provare a dare stabilità societaria e rilanciare le ambizioni in vista della prossima stagione. Domani andrà in scena al “Barbera” il recupero del match controp i pugliesi guidati da Marchionni, rinviato a suo tempo causa Covid-19, e la squadra di Filippi spera di tornare alla vittoria tra le mura amiche dopo un’incredibile serie di delusioni collezionate nel 2021.

Sul fronte societario, il quadro è noto e piuttosto complesso. L’incubo Coronavirus ha avuto gravi ripercussioni di natura economica. sconvolgendo i bilanci previsionali e sortendo una fisiologica crisi di liquidità. Il diritto di recesso esercitato dal socio di minoranza Tony Di Piazza ha complicato ulteriormente le cose. Il presidente e socio di maggioranza, Dario Mirri, non ha al momento la forza di rilevare le quote dell’immobiliarista italoamericano.

L’incarico conferito all’advisor, Pricewaterhouse company ha un duplice scopo: stimare il valore di mercato del club e provare a reperire investitori interessati ad affiancare o sostituire in toto l’imprenditore pubblicitario palermitano. Impresa non facile in una fase di recessione economica figlia della pandemia da Covid-19. Mirri non pare disposto a trattare con profili attualmente proprietari di altri club nel panorama professionistico, ma è perfettamente consapevole che per pianificare una prossima stagione con velleità di vertice serve un nuovo ingresso nel club ed un deciso cambio di passo.

Intanto Filippi, dopo gli ultimi deludenti risultati in campionato, è alle prese con la crisi del reparto offensivo dopo la pesante tegola dell’infortunio di Lucca. Contro i rossoneri dovrebbe tornare in auge Saraniti, escluso dalla lista dei convocati nel precedente turno interno contro la Vibonese. Marconi dovrebbe ritrovare una maglia da titolare dopo la squalifica, mentre dovrebbe scrivere un nuovo capitolo la favola di Bubacarr Marong. L’ex difensore cdella Parmonval. che si è ben comportato alla prima da titolare contro i calabresi dopo due anni dall’approdo in rosanero, dovrebbe trovare un posto nell’undici iniziale anche nella sfida contro il Foggia.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy