Lazio-Cluj, Inzaghi: “Qualificazione appesa a un filo, ma non ci arrendiamo. Vi spiego come affronteremo la gara”

Lazio-Cluj, Inzaghi: “Qualificazione appesa a un filo, ma non ci arrendiamo. Vi spiego come affronteremo la gara”

Le dichiarazioni rilasciate dal tecnico della Lazio, Simone Inzaghi, alla vigilia della sfida di Europa League contro il Cluj

Parla Simone Inzaghi. 

Il tecnico della Lazio è intervenuto in conferenza stampa alla vigilia della sfida valida per il quinto turno della fase a gironi di Europa League contro il Cluj, in programma alle ore 21.00 allo Stadio “Olimpico” di Roma. Diversi i temi trattati dall’allenatore: dalla partita di campionato contro il Sassuolo, alle probabili scelte di formazione per battere i rumeni.

Di seguito, le probabili formazioni.

“La nostra qualificazione è appesa a un filo, ma fino a che la matematica non ci condanna, faremo di tutto per andare avanti. Siamo in questa situazione per colpa nostra e anche per fattori esterni, contro il Celtic sull’1-1 c’era un rigore netto su Immobile che avrebbe potuto cambiare il percorso. Sappiamo però che avremmo dovuto fare molto meglio. In campionato stiamo giocando un ottimo calcio dalla prima giornata fino alla 13°. Il terzo posto è ampiamente meritato. In Europa il sorteggio poteva andare meglio. I ragazzi sono stati bravi nelle prestazioni, meno nei risultati. Per la qualità che abbiamo dovevamo passare il girone, che probabilmente non passeremo. Non siamo stati capaci nel far girare gli episodi a nostro favore come dovrebbe fare una grande squadra. Se tornassi indietro rifarei queste scelte, con il mio staff siamo stati bravi a gestire delle situazioni. Non sempre tutti i giocatori erano pronti per giocare 3 partite a settimana. Per la formazione contro il Cluj oggi ho avuto delle risposte. Caicedo ha qualche problemino alla caviglia, oggi ha interrotto l’allenamento e dovremo rivalutarlo domani. Poi cercherò di mettere in campo una formazione competitiva, sapendo che domenica avremo un’altra partita. Parolo e Cataldi giocheranno sicuro, anche Lazzari dovrà fare un sacrificio perché non ho Marusic disponibile”.

 STRAKOSHA E BERISHA: “Il primo ieri aveva l’influenza, ma era già previsto che domani giocasse Proto, che è un portiere affidabile. Negli ultimi 15 giorni l’ho visto bene. Guerrieri verrà in panchina, Strakosha si allenerà a parte, ce la farà per domenica. Il secondo, invece, sta bene, ha fatto tre allenamenti importanti dopo il problema accusato dopo le nazionali. Mi ha soddisfatto, è un altro dubbio che mi porto”.

ADEKANYE: “Sicuramente ci sarà spazio per lui  non so se partirà dall’inizio o gara in corso. È giovane e sa che deve lavorare, ma si impegna molto ed è disponibile. Ha ampi margini di miglioramento, ma devo valutare bene perché alla gara di domani ci teniamo molto, poi vedremo cosa succederà. Io parto dal presupposto che bisogna vincere in ogni partita”.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy