Juventus, Pirlo: “La Champions un sogno, Porto come l’Atletico Madrid. Ok Ramsey, Dybala e Bonucci…”

Le parole del tecnico della Juventus alla vigilia della sfida Champions contro il Porto

juventus

Giornata di vigilia per Andrea Pirlo.

La Juventus fa visita al Porto nell’andata degli ottavi di Champions League. Tre vittorie ed un pareggio, il bilancio degli ultimi confronti tra le due compagini, che nella giornata di domani si affronteranno all’Estadio do Dragão di Oporto. Un match presentato dal tecnico bianconero Andrea Pirlo, nella consueta conferenza stampa pre-gara.

Sarà una partita molto complicata, loro sono una squadra che si difende molto bene. Molto compatta, stile Atletico Madrid, molto bravi astringessi con due linee da quattro. Servirà pazienza e non forzare le giocate perché poi hanno giocatori di gamba per ripartire. La Champions è una competizione particolare, la differenza col campionato è elevata. Ci sono tante squadre che vogliono vincerla ma dipende da come arrivi mentalmente e fisicamente. Siamo al livello delle altre, qualcuna è più avvantaggiato ma quando arrivi agli ottavi tutti hanno il sogno di arrivare fino in fondo. Champions primo obiettivo? Iniziamo la stagione con la voglia di vincere tutto. Siamo a metà della stagione e siamo ancora in corsa in tutti gli obiettivi, sabato è stata fatta una buona partita ed è mancato solo il risultato”.

“Sono tutti convocati, viaggeranno con noi. Bonucci e Dybala non sono disponibili mentre Ramsey sì. Viaggeranno con noi perché vogliono stare con la squadra. Ronaldo? Torna a casa e avrà voglia di fare gol. Torna quell’adrenalina che ha nelle partite a eliminazione diretta. Bonucci era già dalla settimana scorsa che non stava benissimo e oggi ha avuto un altro problema e non sarà disponibile domani. Morata non è nel periodo migliore ma lo conosciamo, a volte ha questi periodi in cui non sta benissimo. Nell’ultimo periodo ha avuto un po’ di problemi però è contento, sta bene e deve solo ritrovare il gol. Quando ha questi momenti magari tende a buttarsi giù con la testa, ma non crediamo in lui. Kulusevski titolare? Stanno tutti e due bene, hanno fatto grandi partite e sono entrambi a disposizione. Domani valuteremo chi far giocare dall’inizio”.

Chiosa finale sul momento vissuto dal Porto: La Champions ha sempre un sapore particolare. Quando ti giochi un ottavo di finale l’adrenalina sale talmente tanto da farti fare cose importanti. Io purtroppo non potrò scendere in campo ad aiutarli ma bisognerà stare attenti perché si gioca comunque su 180 minuti e domani non sarà decisiva. Il Porto ha giocatori importanti sia in fase difensiva che offensiva. Li abbiamo studiati in questi giorni e hanno tante soluzioni anche a livello di modulo. Non c’è un giocatore in particolare, loro giocano da squadra e dovremo stare attenti a tutti. Il Porto è diverso rispetto a noi, magari in campionato è più offensivo mentre in Champions più difensivo. Noi cerchiamo di giocare in un altro modo ma non si gioca da soli”.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy