Italia, Vialli: “Palermo eccezionale, spero torni presto nel calcio che conta. Cessione Sampdoria? La verità…”

Italia, Vialli: “Palermo eccezionale, spero torni presto nel calcio che conta. Cessione Sampdoria? La verità…”

Le dichiarazioni rilasciate dall’attuale capo delegazione dell’Italia in occasione del convegno tenutosi presso la sede dell’Ordine dei giornalisti di Sicilia

Paola a Gianluca Vialli.

Nella giornata di domenica, l’ex attaccante di Juventus e Sampdoria, è sbarcato in quel di Palermo al fianco della Nazionale italiana che, ieri sera, ha affrontato e battuto l’Armenia fra le mura di un gremito “Renzo Barbera”. Un successo conquistato grazie alle nove reti messe a segno da Ciro Immobile, Nicolò Barella, Nicolò Zaniolo, Jorginho, Alessio Romagnoli, Riccardo Orsolini e Federico Chiesa.

Prima di assistere all’ultimo match valido per le qualificazioni ad Euro 2020, Vialli ha presenziato al convegno tenutosi presso la sede dell’Ordine dei giornalisti di Sicilia. Diversi, dunque, sono stati i temi trattati: dalla trattativa ormai definitivamente tramontata nel mese di ottobre tra lo stesso Vialli, il suo ‘gruppo’, e Massimo Ferrero per l’acquisto della Sampdoria, al suo attuale ruolo di capo delegazione dell’Italia. Di seguito, le sue dichiarazioni.

“Sulla Sampdoria dico che ormai la mia filosofia di vita è accettare quello che le stelle dell’universo mi presentano. Tutto accade per un motivo, non c’è rabbia o risentimento, non c’è nemmeno delusione. E’ stata una cosa su cui abbiamo lavorato, non è successa – ha spiegato Vialli -. Adesso ho questa opportunità magnifica con la Nazionale nella quale metterò tutto il mio entusiasmo e la mia esperienza. Senza pensare a ciò che poteva essere e non è stato. Palermo? Siamo a novembre, sono stato in spiaggia, questa città è eccezionale per me che vivo a Londra. Spero che torni presto nel calcio che conta”, ha concluso.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy