Ajax-Roma, Fonseca: “Partita fantastica, testa al ritorno. Sono stanco delle bugie dei giornali, vi spiego”

Le parole del tecnico giallorosso

Roma

Niente è ancora deciso, concentrati sul ritorno di giovedì.

Queste le parole rilasciate da Paulo Fonseca, intervistato in esclusiva ai microfoni di Sky Sport al termine della sfida di Europa League contro l’Ajax. Il successo della formazione giallorossa nel match valido per l’andata dei quarti di finale mette Dzeko e compagni sulla strada giusta per il passaggio del turno. Ne è consapevole anche lo stesso tecnico portoghese, che nel post gara ha analizzato sotto molteplici aspetti la prestazione dei suoi giocatori. Ecco le sue parole, concentrate anche sulla sfida di ritorno in programma tra una settimana all’Olimpico: “Una vittoria importante, soprattutto dopo i tanti problemi e le difficoltà che stiamo subendo. L’Ajax è una grandissima squadra, ma i ragazzi sono stati bravi e hanno fatto una grande partita. La qualificazione non è assolutamente chiusa, ma vincere qui conta davvero tanto”.

Europa League, Ajax-Roma: Pau Lopez para, Pellegrini inventa e Ibañez la decide. Fonseca può sorridere

“È stata dura vedere uscire Spinazzola, stava facendo benissimo sulla sua fascia. Abbiamo reagito con l’ingresso di Calafiori che è entrato benissimo. E’ un momento importante per noi, anche se pieno di problemi. La squadra è sempre stata consapevole di fare gol, con fiducia di poter ribaltare la partita. Sono stanco (ride ndr.), è stata una sfida di sola tensione. Abbiamo fatto quello che avevamo preparato, sono felice per questo successo e per i due gol fatti…testa al ritorno”.

Roma

Fonseca ha poi chiuso il suo intervento parlando più nello specifico della prestazione di Pellegrini, oltre ad esprimere il suo profondo disaccordo nei confronti di alcune presunte bugie che negli ultimi tempi vertono intorno alla formazione giallorossa:”Pellegrini? Ha fatto una partita eccellente, ha sempre un grande atteggiamento e si allena tutte le volte al massimo. Mi dispiace che tante volte ci siamo creati problemi da soli. Abbiamo rischiato di prendere gol con errori banali, ma per il resto siamo riusciti a controllare una delle squadre più forti in Europa. Serie A? Non voglio alibi, ma non possiamo dimenticare che questa squadra è quasi sempre stata nelle prime quattro posizioni della classifica. Abbiamo perso tanti giocatori come Veretout, Smalling e Miki, questo è pesato molto su tutti. Rispetto? Io faccio il mio lavoro, non controllo le critiche altrui. Le critiche le accetto sempre, ma quello che più mi dà fastidio sono le bugie. Io non sono italiano e forse non capisco a pieno, però come faccio a pensare che criticare l’unica italiana in Europa sia giusto? Troppe bugie intorno ai ragazzi, siamo stufi di tutto questo. 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy