Sassuolo, Berardi si candida: “Io a Euro 2020? Ci proverò. Mi è dispiaciuto non essere a Palermo…”

Le dichiarazioni rilasciate dall’attaccante del Sassuolo a margine dell’incontro tra arbitri, giocatori e allenatori sul Var e le nuove regole

Era stato convocato dal commissario tecnico della Nazionale italiana Roberto Mancini in vista delle sfide contro Bosnia Erzegovina e Armenia.

Stiamo parlando di Domenico Berardi. L’attaccante di proprietà del Sassuolo, tuttavia, non è riuscito a partire alla volta di Palermo, dove ieri sera al “Renzo Barbera” gli azzurri hanno travolto per 9-1 la Nazionale armena, grazie alle reti messe a segno da Ciro Immobile, Nicolò Zaniolo, Nicolò Barella, Jorginho, Alessio Romagnoli, Riccardo Orsolini e Federico Chiesa. Il motivo? A causa di una lesione al comparto adduttorio della coscia sinistra rimediato lo scorso venerdì 8 novembre nel corso della gara contro il Bologna. “Mi è dispiaciuto non essere lì, i ragazzi hanno fatto una grande partita”, ha dichiarato il classe 1994 all’entrata dell’Hotel Parco dei Principi di Roma, dove oggi si terrà l’incontro tra arbitri, giocatori e allenatori sul Var e le nuove regole.

Diversi, dunque, i temi trattati: dall’utilizzo della Var nel mondo del calcio, alla possibilità di essere chiamato in causa dal CT Mancini per Euro 2020. Di seguito, le sue dichiarazioni.

“La Var è un buon aiuto per gli arbitri, adesso vediamo e valuteremo gli errori fatti. Siamo qui per capire le nuove regole, vediamo cosa ci spiegheranno. Io a Euro 2020? Ci proverò, darò il mio massimo nel Sassuolo, poi vedremo”, ha concluso Berardi.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy