Italia-Bosnia, Mancini: “Il mio obiettivo è giocare un calcio offensivo. Ritorni di Sarri e Conte? Ecco come la penso”

Italia-Bosnia, Mancini: “Il mio obiettivo è giocare un calcio offensivo. Ritorni di Sarri e Conte? Ecco come la penso”

Le parole del commissario tecnico azzurro, intervenuto in conferenza stampa, alla vigilia della sfida di qualificazioni a Euro 2020 contro la compagine bosniaca

italia

La vittoria per 3-0 sul campo della Grecia ha confermato l’ottima forma fisica e mentale dell’Italia.

Gli Azzurri hanno letteralmente dominato in quel di Atene creando, oltre alle reti realizzate, diverse palle-gol che non sono però state sfruttate al massimo dai propri attaccanti. Nella serata di martedì 11 giugno la Nazionale sarà impegnata all’Allianz Stadium dove andrà in scena la sfida contro la Bosnia, reduce dalla sconfitta rimediata in casa della Finlandia (2-0).

Il commissario tecnico Roberto Mancini, intervenuto nella consueta conferenza stampa della vigilia, ha ripercorso le tappe della sua carriera e commentato il rientro in Italia di Conte e Sarri (vicino ad accordarsi con la Juventus).

“Bisogna studiare sempre, ma io sono qui perché mi diverto, mi piace allenare i ragazzi, sono tutti calciatori bravi con tanta qualità. Per me è un piacere. Sono un allenatore che ha giocato tanti anni da calciatore, quindi voglio giocare un calcio offensivo. Nonostante lo scetticismo dell’inizio ho trovato giocatori molto tecnici, c’è feeling. Sarri e Conte di nuovo in A? Ho sempre pensato che gli allenatori italiani siano i migliori a livello tattico, se tutti i tecnici italiani sono in Italia credo sia un bene”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy