Italia-Bosnia, Chiellini: “Tornare dopo l’infortunio mi rende felice, sono pronto. Il valore della maglia azzurra…”

Italia-Bosnia, Chiellini: “Tornare dopo l’infortunio mi rende felice, sono pronto. Il valore della maglia azzurra…”

Le dichiarazioni del difensore della Nazionale Giorgio Chiellini

Sono molto felice, si riparte e speriamo di iniziare subito bene.

Queste le parole di Giorgio Chiellini direttamente dal raduno della Nazionale italiana a Coverciano. Il difensore centrale della Juventus è tornato a disposizione del C.t. Roberto Mancini dopo aver trascorso un annata sicuramente travagliata dal punto di vista fisico. Il classe ’84 ha dunque voglia di rimettersi in gioco già da queste prime uscite, cominciando dalla gara valida per la Nations League  e che domani vedrà coinvolti gli azzurri e la Bosnia Erzegovina: “Il ritorno? Sicuramente è stato un giorno molto bello per me, tra l’altro a un anno preciso di distanza dall’infortunio grave avuto la scorsa stagione. Raggiungere determinati risultati con il club è bellissimo, quando indossi la maglia azzurra è qualcosa di impagabile. Tornare qua a Coverciano – ha proseguito Chiellini – rivedere persone che non vedevo da così tanto tempo, l’entusiasmo di tanti giovani che fanno parte di questo gruppo. Sicuramente è stato un giorno molto bello per me, tra l’altro a un anno preciso di distanza dall’infortunio grave avuto la scorsa stagione”.

Altra importante novità, coincisa con il ritorno degli azzurri sul campo di Coverciano, quella della nuova maglia: “La maglia, a parte esteticamente che mi piace molto, per noi è qualcosa che ti entra dentro, un orgoglio, un onore, una responsabilità, un mix di emozioni che solo chi la indossa può capire. Giocare per il proprio club è bellissimo, raggiungere determinati risultati con il club è bellissimo, quando indossi la maglia azzurra si va oltre ed è qualcosa di impagabile”.

Chiosa finale sulla situazione attuale della Nazionale e del calcio italiano in generale: “Deve essere una gioia per tutta l’Italia, un cercare di tornare alla normalità nel più breve tempo possibile, ovviamente con le precauzioni del caso. Deve essere proprio una spinta di energia, come quella che ho provato io a tornare qui dopo tanti mesi. Penso che lo stesso lo possa provare una persona a casa a rivedere in campo la Nazionale”.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy