Calciomercato Napoli, De Laurentiis: “In difesa arriverà uno tra Arias e Sabaly, Inglese e Ounas restano…”

Calciomercato Napoli, De Laurentiis: “In difesa arriverà uno tra Arias e Sabaly, Inglese e Ounas restano…”

De Laurentiis fa il punto sul mercato del Napoli e lancia una frecciatina alla Federcalcio per la politica sugli extracomunitari

Ancora colpi in entrata per il Napoli, che potrebbe presto accogliere in squadra uno tra Arias e Sabaly.

Aurelio De Laurentiis, intervenuto ai microfoni di ‘Radio Kiss Kiss Napoli’, ha fatto il punto sulla situazione terzino escludendo il doppio colpo: “Il terzino arriverà, ma solo uno tra Arias e Sabaly, non entrambi, vedremo. Per quanto riguarda l’attacco – continua a proposito del mercato – Ancelotti è rimasto molto colpito sia da Ounas che da Inglese, e mi ha ribadito che vuole tenerli e che li farà giocare, così come tutto il resto della squadra. Ochoa interessa, ma in Italia abbiamo delle limitazioni sugli extracomunitari che io non condivido, quindi aspettiamo. Grassi, invece, è un giocatore su cui credo moltissimo, vorrei darlo in prestito solo con il contro-riscatto in Spagna o in Italia, magari più in Spagna perché da noi ci sono squadre col braccino corto”.

Non solo calciomercato nelle dichiarazioni del presidente dei partenopei, che ha attaccato l’operato della Figc e del presidente della Lazio: “In realtà noi abbiamo questo annoso problema che non possiamo avere più di un certo numero di extracomunitari. Secondo Lotito si doveva rafforzare l’Italia, infatti abbiamo visto com’è andata a finire con la Nazionale. Lotito e Tavecchio hanno saputo scegliere un allenatore che, pur rispettandolo, in Serie C dopo due mesi l’avevo esonerato. Uno esonerato in C non può allenare la Nazionale. Ecco perché parlo di coattismo. In Belgio e in Portogallo non c’è limite, e le rispettive Nazioni hanno fatto benissimo ultimamente. In Italia il pentimento ci viene inserito fin dalla nascita – ha concluso -“.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy