Napoli-Juventus, Gianni Di Marzio show: “Contro l’Atalanta prova allucinante e centrali scandalosi. De Laurentiis prenda Sarri”

Gianni Di Marzio analizza il momento difficile del Napoli

napoli

Un rendimento al di sotto delle aspettative e numerose incognite legate al futuro del tecnico, Rino Gattuso.

La stagione del Napoli è stata fin qui più altalenante e tormentata del previsto, un rendimento discontinuo che ha inevitabilmente frenato le ambizioni scudetto della compagine partenopea creando un significativo ritardo in classifica dalle battistrada. L’eliminazione ad opera dell’Atalanta nella semifinale di Coppa Italia è stato un altro amaro capitolo del percorso fin qui compiuto dal club di Aurelio De Laurentiis e le recenti schermaglie mediatiche tra il patron e l’allenatore raccontano di un rapporto professionale piuttosto logoro tra i due. Il prossimo turno del campionato di Serie A propone il big match del Maradona Napoli-Juventus, confronto suggestivo e dai molteplici significati che potrebbe fornire il giusto slancio motivazionale ad Insigne e compagni per rialzare la testa e risalire la china. Il momento delicato della formazione partenopea è analizzato dall’ex tecnico, esperto talent scout e consulente di mercato, Gianni Di Marzio ai microfoni di Radio Marte.

 

 “Le gare come questa sono le partite dell’anno, sono partite secche in cui può succedere di tutto e di più. Certo, alla luce del primo tempo di Bergamo sono spaventato: la prestazione è stata allucinante. I centrali erano scandalosi, Bakayoko camminava per il campo, Hysaj in confusione, Di Lorenzo non è più il giocatore di qualche mese fa. Nei Napoli del recente passato c’erano degli uomini e dei leader, gente con attributi e personalità. La squadra vista recentemente, che io in primis avevo sopravvalutato, se arriva quarta vince il suo personale ScudettoMinestre riscaldate in caso di esonero di Gattuso? Pericolo pubblico, rischia di rompersi il giocattolo. Bakayoko? In questo momento deve stare fuori, Demme in generale dà più garanzie. Bisogna cercare ora di ricompattarsi un po’ tutti. Mazzarri, Sarri o Benitez? Sarri, senza perdere tempo. Modulo? 4-3-3, non si può concedere un centrocampista alla Juventus che è diventata una squadra di provincia, perché gioca chiusa e poi riparte. Speriamo davvero che il Napoli domani possa vincere”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy