Juventus, Rampulla: “Dybala destabilizzato? Vi dico la mia. Ho un consiglio per lui”

Le parole dell’ex estremo difensore dei bianconeri

“Dybala guadagna già un sacco di soldi, deve semplicemente giocare per il fuoriclasse che è”.

VIDEO Serie A: la Juventus tra la certezza CR7 e l’incognita Pirlo, il Milan sogna lo scudetto con Ibrahimovic, l’Inter…

Queste le parole di Michelangelo Rampulla, ex portiere della Juventus intervenuto su molteplici temi legati al mondo bianconero. Intervistato ai microfoni di Tuttojuve, il classe ’62 ha voluto porre un occhio di riguardo sulle voci critiche intorno alla figura di Paulo Dybala, da molti considerato un fuoriclasse dalle doti spesso inespresse: “Dybala mi è sembrato un po’ scoraggiato al momento dell’uscita, poi certo non è stato gradevole vedere il tuo sostituto, anche se si chiama Cristiano Ronaldo, far gol dopo due minuti. Sicuramente non sarà in condizione, non avendo giocato con regolarità è normale che oggi non brilli. Mi auguro che quell’atteggiamento mostrato al momento della sostituzione non sia una questione economica, guadagna già un sacco di soldi e quando gioca deve lasciare fuori dal campo le ulteriori richieste fatte dal suo procuratore”.

Rampulla ha poi ricordato quel è la mentalità vincente che da anni contraddistingue la Juventus nei suoi trionfi, invitando l’attaccante argentino a tenerla sempre presente a se stesso: “Non deve esser destabilizzato mentalmente per questo motivo, c’è di peggio visto anche il periodo in cui viviamo. Paulo deve semplicemente giocare per il fuoriclasse che è, né più né meno. Mi auguro che ritrovi al più presto la condizione, non può brillare di certo quando non lo è. Avendo vissuto per tanti anni alla Juve, però, ho capito che tutti sono importanti e nessuno è indispensabile, il club nella propria storia ha fatto a meno di giocatori come Zidane e ha vinto comunque”.

Spezia-Juventus, CR7: “Polemiche per il Coronavirus? Cristiano Ronaldo is back, conta questo”

Chiosa finale dell’allenatore dei portieri della Nazionale cinese sull’importanza della figura di CR7: “Gol dopo due minuti? Questo la dice lunga, penso che gli altri dovevano dare qualcosa di più in sua assenza. Per capirci meglio, non bisogna aspettare che arrivi sempre il salvatore della patria a risolvere la situazione. La Juventus non ha eccelso a livello di pressing o a livello di trame di gioco, ha aspettato che arrivasse Lancillotto per vincerla. Ma è decisamente un bene averlo recuperato”.

Spezia-Juventus, Pirlo: “Bianconeri in costruzione, siamo al 60-70%. Su Dybala…”

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy