Juventus, Kean replica al padre: “Se sono l’uomo che sono oggi è solamente grazie a mia madre”

Il centravanti dei bianconeri ha risposto alle dichiarazioni rilasciate dal padre

Il momento magico di Moise Kean.

Il centravanti della Juventus sta vivendo un periodo decisamente strepitoso, durante il quale ha realizzato due gol consecutivi con la maglia dell’Italia (contro FinlandiaLiechtenstein) diventando il marcatore più giovane nella storia della Nazionale e facendosi notare nel grande palcoscenico europeo.

Il classe 2000 ha dovuto però fronteggiarsi con alcune dichiarazioni del padre, Biorou Jean, che aveva parlato nel corso della trasmissione “Un giorno da pecora“: “Da piccolo Moise tifava Inter, perché gli piaceva Oba Oba Martins. Io l’ho mandato alla Juve perché sono tifoso bianconero anche se adesso ho un problema con la società che non mi dà più i biglietti. Io e la mamma di Moise siamo separati e lei, in passato, voleva portare il ragazzo in Inghilterra. Io gli dissi che lo avrei fatto restare in Italia ma in cambio avrei voluto due trattori. Loro mi dissero che non ci sarebbero stati problemi. E invece non me li hanno ancora dati, non mi danno più biglietti e non mi ricevono neanche più“.

Tali affermazioni non sono chiaramente sfuggite agli occhi di Kean, che attraverso una Story pubblicata sul proprio profilo Instagram ha voluto riaffermare l’importanza che ha avuto sua madre nel corso della sua vita, smentendo di fatto le parole del padre: “Trattori?? Non so di cosa parli… Se sono l’uomo che sono oggi è solamente grazie a mia madre! E con questo ho detto tutto. E non dimenticate mai chi vi dà da mangiare quando avete il cibo in pancia“.

kean

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy