Juventus, Cabrini promuove Kean: “Lui ha due doti fondamentali”

L’ex difensore, Antonio Cabrini, elogia il giovanissimo Moise Kean: “Ha ampi margini di miglioramento e grande personalità”

Moise Kean sta bruciando le tappe.

L’Italia vince e convince: alla “Dacia Arena” di Udine gli uomini di Roberto Mancini hanno battuto la Finlandia nella prima gara di qualificazione a Euro 2020Ad aprire le marcature, Nicolò Barella al 7′ del primo tempo e a raddoppiare, al 29′ del secondo tempo, il giovanissimo attaccante della Juventus, che è diventato il primo “Millennial”, ovvero nato nel 2000, a segnare un gol con la maglia della Nazionale e il secondo marcatore azzurro più giovane di sempre.

Con la doppietta in Serie A contro l’Udinese e soprattutto con il gol al debutto in Nazionale, Kean, ha attirato su di sè gli occhi degli esperti ai lavori, tra cui anche quelli dell’ex difensore, Antonio Cabrini, che intervenuto ai microfoni di CalcioNapoli24, ha speso parole al miele per il diciannovenne: “È cresciuto molto negli ultimi anni e sicuramente ha ancora ampi margini di miglioramento. E poi si vede che ha personalità. Kean più che un centravanti è un esterno molto forte, una seconda punta di movimento che può coprire tutte le zone dell’attacco. Lo aveva già dimostrato anche nell’Under 21 con Bernardeschi. Ora ci sono molti giovani interessanti nell’Italia di mancini come Kean e Zaniolo”.

“Beato lui che sta tutto il giorno con CR7: lo può vedere e capire tante cose – ha continuato –. Giocare con campioni del genere ti aiuta a crescere. La cosa importante è che adesso l’Italia si qualifichi bene nel suo girone. L’aspettativa poi è che Kean possa farne parte: tutto dipenderà dalle sue prestazioni. Gli strumenti per fare bene li ha tutti, ora toccherà soltanto a lui – ha concluso Cabrini –“.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy