Inter-Fiorentina, Adani: “Sfida delicata, ecco chi sarà decisivo. Icardi e Simeone…”

Inter-Fiorentina, Adani: “Sfida delicata, ecco chi sarà decisivo. Icardi e Simeone…”

L’opinione del noto commentatore tecnico ed ex difensore Lele Adani, in merito alla sfida tra nerazzurri e gigliati prevista per stasera alle ore 21:00

Questa sera si gioca Inter-Fiorentina, affascinante anticipo valevole per la sesta giornata del campionato di Serie A.

Fischio d’inizio alle ore 21:00 e della gara che avrà luogo nella splendida cornice di pubblico dello Stadio Giuseppe Meazza, ha parlato un doppio ex della partita, il commentatore tecnico ed ex difensore Lele Adani. Queste le dichiarazioni rilasciate dal noto telecronista sportivo, intervistato da La Gazzetta dello Sport, il quale ha fatto una precisa analisi della sfida tra nerazzurri e gigliati.

Adani, la Fiorentina è destinata a rimanere lì in alto?
Vedo un bell’assemblaggio tra ambiente, tecnico e giocatori, costruito per il futuro ma che già oggi si diverte molto. Un gruppo che ha voglia di migliorare, che ha saputo trasformare un dramma come la morte di Astori in energia positiva. Solo il tempo dirà se è già da prime 4, ma il percorso è giusto“.

Quello dell’Inter, invece, che percorso è?
Una strada tutta da scoprire. Si è indebolita a inizio mercato perdendo due fuoriclasse come Cancelo e Rafinha. La strategia però è stata interessante, ha scelto diversi giocatori nello stesso reparto, per muoversi cioè sotto o vicino alla prima punta. Ora Spalletti deve trovare il modo di farli giocare insieme. Vanno ancora valutati sotto il profilo dell’intesa e del risultato. Davanti devono condividere l’idea dell’allenatore, non basta comprenderla. In questo la Viola è più avanti“.

Chi invece è più avanti tra Icardi e Simeone?
Il Cholito è un gradino sopra ed è tempo che se ne renda conto. Ha segnato i suoi 13-15 gol, ma fa anche crescere la squadra. Sotto l’aspetto della voglia, della tecnica e della malizia è pronto per il grande salto“.

E Icardi?
Sta migliorando nelle sue virtù ma è ancora un punto interrogativo negli altri aspetti del gioco. E non parlo di volontà o capacità di relazionarsi con i compagni. Mauro ha due palle così… ma deve crescere a livello di resa. Ormai l’attaccante atipico è quello come lui, che segna tanto ma non partecipa alla manovra. Oggi tutti gli attaccanti giocano a calcio. Se si toglie la fissazione che esiste solo l’area di rigore, esplode definitivamente. Senza dimenticare che Nainggolan deve ancora intendersi con Mauro“.

Quanto sarebbe importante per l’Inter espugnare il proprio stadio, dove in questo campionato non ha ancora vinto?
Tantissimo. Per Spalletti e i suoi è un esame più delicato di quello con la Sampdoria. Una buona prestazione, con risultato, porterebbe alla consapevolezza che il percorso è quello giusto. E l’effetto San Siro inizierebbe a farsi sentire davvero. Ma aver vinto due volte nel recupero dice che l’Inter a livello emozionale c’è. Sa dare tutto quando serve, senza scomporsi“.

Pronostico?
Non amo farne. Credo che saranno decisivi Perisic, Chiesa e Pjaca (se gioca). I viola hanno un attacco più coeso, l’Inter va a fiammate e Ivan in questo è unico“.

(Eto’o: “L’Inter ha una squadra da Champions, spero arrivino in finale. La chiave è…”)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy