Milan-Dudelange, Gattuso: “Siamo più forti e non dobbiamo fare figuracce! Tutto sulle condizioni di Romagnoli…”

Milan-Dudelange, Gattuso: “Siamo più forti e non dobbiamo fare figuracce! Tutto sulle condizioni di Romagnoli…”

Le dichiarazioni del tecnico rossonero, Gennaro Gattuso, alla vigilia di Milan-Dudelange

Giornata di conferenza in casa Milan.

Il tecnico rossonero, Gennaro Gattuso, ha analizzato la gara valida per il 5° turno della fase a gironi di Europa League contro il Dudelange, in programma domani sera alle 18.55 a San Siro.

Di seguito, le sue dichiarazioni.

“Non dobbiamo sottovalutare l’avversario, ci giochiamo tanto: siamo nettamente più forti di loro e non dobbiamo fare figuracce, rischieremmo di pagarne le conseguenze. Nel giorno di recupero il 60-70% dei giocatori si è presentato ad allenarsi. Partite facili non ce ne sono. Ci mancano giocatori importanti ma il gruppo si è rafforzato, è sano. I ragazzi sono bravi, e si mettono gli scarponi per scalare la montagna. Per me è qualcosa di importante, dobbiamo continuare su questa strada, e con entusiasmo che sto vedendo. Nessuna paura, si può sbagliare, ma l’atteggiamento e la voglia non è mai mancato. Partite facili non ce ne sono, ogni partita ha la sua storia, ha un suo modo di svilupparsi, di giocarla. Pensiamo a preparare partita dopo partita”.

Bonaventura – “L’ho sentito, prima e dopo l’operazione: ora starà un mese negli USA e poi tornerà. È un problema che si trascina da tempo. Starà fermo dagli 8 ai 9 mesi: Musacchio domani si leva il tutore e fa la risonanza, poi vedremo se potrà corricchiare. Romagnoli spero di averlo a disposizione tra 2 settimane, Caldara lo vedremo in campo a febbraio”.

Bakayoko – “Le sue prestazioni sono migliorate dopo l’infortunio di Biglia, ha avuto questa possibilità di giocare con continuità e ha preso confidenza: è un giocatore importante e lo ha dimostrato in tutti questi anni. L’Europa League è importante, un club come il nostro non può stare fuori dall’Europa”.

Salvini – “Ci siamo scambiati SMS, tutto a posto: lui ha i suoi problemi, io i miei. Anche se lo stadio sarà vuoto domani per noi non ci sarà nessun problema, dobbiamo vincere a tutti i costi: abbiamo tutto da perdere e dobbiamo essere bravi a trovare stimoli”.

Evra –  “Non fatemi fare ancora polemiche dai…Domani sicuramente giocheremo con due punte, può giocare Simic: se lo farà, giocheremo a 4. Altrimenti a 3. Le italiane? Ovviamente faccio il tifo per loro, abbiamo un campionato di livello con giocatori importanti: prima pensiamo a qualificarci, poi vedremo”.

Higuaín – “Ha una dote e lo sa: è un giocatore forte e sa come vivere lo spogliatoio. È uno che si diverte e sa fare gruppo, lo ascoltano: a volte però se la linea non è dritta ma è storta inizia ad innervosirsi, quando incomincia ad essere polemico e non sereno la squadra respira tutto questo. La squadra deve coinvolgerlo un po’ di più: è il primo che si lamenta quando lavoriamo a mille all’ora, poi però ti chiedere di gridargli dietro un po’ di più. Ce lo teniamo stretto, ma deve fare qualcosa di più con ogni singolo compagno che scende in campo”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy