Lazio-Rennes, Inzaghi: “Vittoria sudata, ma non possiamo subire certi gol. Celtic? Ora è tutto aperto”

Lazio-Rennes, Inzaghi: “Vittoria sudata, ma non possiamo subire certi gol. Celtic? Ora è tutto aperto”

Le dichiarazioni del tecnico biancoceleste, Simone Inzaghi, a margine della gara contro il Rennes

La Lazio trionfa all’Olimpico.

Missione compiuta per i biancocelesti che, nella seconda giornata della fase a gironi di Europa League, battono in rimonta il Rennes archiviando definitivamente la falsa partenza contro il Cluj. Decisivo l’ingresso di Milinkovic-Savic, autore delle rete della vittoria. Match analizzato al triplice fischio dal tecnico biancoceleste, Simone Inzaghi, nella consueta conferenza stampa post-gara.

“Nel primo tempo dovevamo fare meglio in costruzione, loro ci aspettavano. Dovevamo fare di più in costruzione, dovevamo essere più bravi e pazienti. Nella ripresa siamo stati più bravi nonostante il gol, abbiamo vinto una partita importante. Milinkovic ha fatto un bel gol, ma noi dobbiamo avere le nostre caratteristiche. La costruzione l’abbiamo fatta meglio rispetto a questa sera. Siamo contenti, per noi era importante dopo aver perso la prima. Ora è tutto aperto, adesso avremo il doppio confronto con il Celtic. È un po’ il nostro percorso, le partite le dobbiamo sempre sudare. Oggi nel primo tempo, complice anche il Rennes, non riuscivamo mai a cercare i nostri attaccanti. Nel secondo tempo, con una costruzione migliore, abbiamo fatto altro. Il primo gol? Una squadra come la nostra non deve prenderlo. Devo ancora rivederlo”.

Inevitabile la parentesi relativa a Milinkovic-Savic e Luis Alberto: “Penso sia sbagliato dire così, loro sono giocatori importanti che devono aiutarci. Cataldi l’ho tolto perché era già ammonito, con il cambio di Berisha ho aumentato la fisicità. Loro mi danno molto in allenamento, bisogna accompagnarli. Hanno comunque fatto il loro. Sicuramente Milinkovic, è uno dei nostri giocatori migliori che ha fatto un ritiro straordinario. Si è fermato due settimane per un problema, ma sta tornando a pieno regime. Dobbiamo alzare l’asticella, per quello che abbiamo prodotto abbiamo carenza di punti. Rotazioni necessarie? Penso di sì. Era la sesta in 17 giorni. Domenica ci sarà la settima, è necessario perché devi saper gestire le forze. La rosa mi segue, devo essere bravo io. L’allenamento poi è una cosa, la crescita passa per forza dalle partita”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy