Liverpool, Milner rivela: “Da piccolo non indossavo mai niente di rosso per colpa di mio padre”

Liverpool, Milner rivela: “Da piccolo non indossavo mai niente di rosso per colpa di mio padre”

Il padre odiava il Manchester United e lo ha cresciuto impedendogli di vestire di rosso. Oggi è il vice capitano del Liverpool

Il rapporto padre-figlio nel tifo è particolarmente importante: spesso sono proprio i papà a far nascere quel sentimento verso una particolare squadra del cuore.

Il tentativo non è riuscito bene con il piccolo James Milner, oggi vice capitano del Liverpool, il cui padre, avverso da sempre al Manchester United, per anni lo ha costretto addirittura a non vestire di rosso. Lo scorso martedì Milner è tornato a segnare, su rigore contro il Paris Saint Germain, confermandosi giocatore decisivo per la sua squadra.

“Non mettevo mai maglie rosse o qualsiasi altro indumento che fosse di quel colore – ha confessato Milner in una intervista a FourFourTwo – E questo ha fatto sì che il Manchester United mi diventasse antipatico”. Papà Peter però nel 2003 ha dovuto arrendersi dopo la convocazione in nazionale per il Mondiale Under 23: “È stata la prima volta in cui ho indossato una maglietta rossa”, ha detto ironico. Poi il passaggio al Liverpool nel 2015: “Mio padre mi ha detto scherzando che quella era la prima volta in cui era felice di vedermi regolarmente in rosso”.

Milner svela: “Balotelli è come un adolescente, Richards voleva staccargli la testa. Durante un allenamento…”

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. acalzon_847 - 2 anni fa

    Boh, ma non si capisce niente. Nel sottotitolo dice che il padre impediva a Milner di indossare maglie rosse perché odiava il ManUtd, poi nell’articolo dice che il padre era tifoso del ManUtd (ma in questo caso non si capisce perché gli dovrebbe impedire di vestire di rosso). Ma lo odiava o era tifoso? Non si capisce nulla.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy