Cremonese, Braida: “Orgoglioso della mia scelta, qui con un obiettivo. Serie A? Ecco cosa conta”

Le parole del nuovo DG del club lombardo

cremonese

Ariedo Braida, dallo scorso 1 dicembre è il nuovo DG della Cremonese.

cremonese

 

Era il 12 novembre 2020, quando la Cremonese annunciava la futura operatività manageriale dell’ex dirigente di Monza, Udinese, Milan e Sampdoria. Il nuovo direttore generale del club lombardo, reduce da un quadriennio al Barcellona, il cui nome non necessita di presentazioni vantando esperienze dirigenziali di prim’ordine, è senz’altro un altro volto che dà lustro al torneo di Serie B. Di seguito le dichiarazioni di Ariedo Braida, contattato dai microfoni di “TuttoMercatoWeb” , attraverso i quali ha raccontato l’approccio con la nuova esperienza alla Cremonese in una realtà tutta da scoprire come la serie cadetta.

AL CAMPO L’ARDUA SENTENZA – “Sul mercato abbiamo pensato di intervenire e abbiamo poi operato sui reparti dove sembravamo carenti, anche a livello numerico. Ovviamente quando si fanno le cose nel calcio sono sempre giuste, sul momento, ma sono poi il campo e il tempo a dirlo”.

L’APPROCCIO CON LA NUOVA ESPERIENZA – “Sono arrivato due mesi fa e ho cercato di valutare e capire la situazione. Con la società abbiamo cercato di fare cosa pensiamo, per migliorarci di giorno in giorno”.

LA SCELTA DELLA CREMONESE – “Sono orgoglioso di essere arrivato a Cremona, in questa categoria che conoscevo di sfuggita, l’avevo seguita poco, ma mi sono subito calato in questa realtà per fare cose positive. E’ stata una sfida con me stesso, il calcio è bello a tutte le latitudini, conta aver passione, quella che a me non manca e che porto ovunque. In Serie A in Serie B, in Serie C, non importa: c’è la passione, conta quello”.

L’IDEA SUL CAMPIONATO DI SERIE B – “Il campionato di B è difficile, combattuto ed equilibrato, in pochi punti ci sono tante squadre, e bastano un paio di partite per portarti dal paradiso all’inferno e viceversa. Ci sono però tanti prospetti interessanti, giocatori validi e giovani di prospettiva, tra i quali figurano anche i nostri: è un torneo davvero propedeutico alla Serie A”.

QUERELLE CERAVOLO, TUTTO RIMANDATO A GIUGNO? – “Il ragazzo è rimasto con noi ed è ora a disposizione, magari tornerà anche in campo. Si sta allenando bene, noi dovremmo fare di tutto per metterlo nelle migliori condizioni per poter fare bene, poi sul futuro vedremo”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy