Coronavirus, Sconcerti: “Spero che intervenga l’Unione Europea, il calcio va bloccato. Gli altri paesi…”

Coronavirus, Sconcerti: “Spero che intervenga l’Unione Europea, il calcio va bloccato. Gli altri paesi…”

Le dichiarazioni di Mario Sconcerti, noto giornalista e scrittore, in merito all’emergenza Coronavirus

La parola a Mario Sconcerti.

Il noto giornalista, intervenuto ai microfoni di TMW durante il podcast Maracanà, si è espresso in merito all’attuale allarme Coronavirus, dicendo la sua sul futuro, non solo del mondo, ma anche del calcio giocato: “E da tempo che dico che la Uefa dovrebbe prendere una decisione. Credo si debba trovare una data alternativa per Euro 2020. E poi chi si prenderebbe la responsabilità di farlo comunque? la soluzione migliore sarebbe giocarlo a cavallo tra dicembre e gennaio, allungando i campionati a giugno, sempre a porte chiuse. Il virus ci costringe a pensare in fretta, dobbiamo essere più avanti del virus. Fino ad una settimana fa si litigava se continuare o meno, se fare a porte chiuse o porte aperte. Ora ci vengono tutti dietro. Ogni giorno cambiano le prospettive. Sta succedendo già in Italia. Tanti giocatori non si stanno allenando, o fanno qualcosa per conto loro. Non si può fare altrimenti. Il calcio va bloccato, come si sta bloccando tutto. Vedremo cosa accadrà negli altri Paesi, perché ci sono soluzioni diverse. La Germania sta chiudendo pochissimo, mentre la Francia si sta avvicinando alle nostre decisioni. Negli Usa il presidente sta sottovalutando tutto“.

Emergenza Coronavirus, primo calciatore positivo in Germania: i dettagli

Infine un pensiero sulle compagini impegnate nelle varie competizioni europee: “Se rinvii l’Europa League, devi farlo anche con la Champions. Io però mi aspetto che parli l’Unione Europea. Da a noi è stato il Governo a fare tutto. Spero che l’Ue intervenga. E’ vero che la Sanità è di competenza delle singole Nazioni, ma quando si parla di competizioni europei, deve intervenire l’Istituzione europea. E’ a rischio l’Europa così. Non può essere solo una questione di affari“.

Emergenza Coronavirus, calciatori in soccorso degli ospedali italiani: ecco di chi si tratta

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy