Riforma Champions League, Agnelli: “Ok entro le prossime due settimane”

Il presidente della Juventus e dell’ECA, Andrea Agnelli, sulla riforma relativa alla Champions League

champions league

Parola ad Andrea Agnelli.

Si registrano importanti novità in merito all’accordo sulla riforma della UEFA Champions League, per cui, secondo il presidente dell’ECA e della Juventus Andrea Agnelli, mancherebbe sempre meno alla definitiva fumata bianca. Argomento analizzato dallo stesso numero uno bianconero, intervenuto ai microfoni dei cronisti presenti, a margine dell’assemblea generale dell’ECA. Di seguito, le dichiarazioni evidenziate da “Calcio e Finanza”.

Spero vivamente che tutto venga fatto nelle prossime due settimane, ci sono dettagli che devono essere discussi, uno è l’accesso alla competizione, come verranno assegnati i quattro posti extra? Penso che il momento sia fertile per pensare a nuove soluzioni. Penso che dovremmo guardare a una vasta gamma di riforme. Penso che oggi ci sia spazio per iniziare a pensare a un CBA (collective bargaining agreement) europeo sicuramente…potrebbe essere una soluzione”.

Potremmo pensare a regole per i trasferimenti, in base alle quali i club che si qualificano a specifici livelli delle competizioni internazionali non sarebbero autorizzati a comprarsi i giocatori l’uno dell’altro. Ciò effettivamente migliorerebbe la solidarietà indiretta verso gli altri club, quindi nessuna spesa eccessiva per i trasferimenti tra società partecipanti alla Champions League e ci concentreremmo sull’acquisto dei calciatori dai Paesi minori. Questi sono elementi di cui stiamo discutendo, ma sicuramente il controllo dei costi è uno degli aspetti che ci dà i maggiori grattacapi ed è una delle maggiori sfide per il futuro”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy