PSG-Liverpool, la rabbia di Klopp: “Troppe interruzioni, Neymar è stato furbo. Cadevano come fossero morti e poi…”

Le dichiarazioni del tecnico del Liverpool, Jurgen Klopp, al termine del match perso contro il PSG

liverpool

Il PSG batte il Liverpool, e conquista 3 punti fondamentali per la corsa verso gli ottavi di finale di Champions League.

Il futuro del Gruppo C, dunque, resta in bilico fino all’ultima giornata: per gli inglesi, infatti, il match in casa contro il Napoli di Carlo Ancelotti – in programma martedì 11 dicembre -, sarà decisivo per centrare la qualificazione.

Nel frattempo, però, il tecnico dei Reds, Jurgen Klopp, non riesce a superare le troppe interruzioni che hanno caratterizzato il secondo tempo del match contro gli uomini di Thomas Tuchel.

Al termine della sfida andata in scena al Parco dei Principi, infatti, l’allenatore tedesco ha, in qualche modo, voluto accusare i giocatori del club parigino, in particolare Neymar – che insieme a Juan Bernat hanno realizzato le due reti della vittoria -, di aver abusato con la furbizia per ingannare il giudice di gara e conquistare troppe punizioni discutibili.

Di seguito, le sue dichiarazioni.

“Non voglio dire che il Paris Saint-Germain, non abbia meritato, però, Neymar è stato molto intelligente. Si prendeva dei falli per spezzare il ritmo, è stato fin troppo furbo. Ma non è il solo, molti giocatori cadevano a terra e fingevano avessero subito un grave infortunio. Cadevano come fossero morti e un attimo dopo si rialzavano Soprattutto nel secondo tempo ci sono state 500 mila interruzioni e l’arbitro crede di aver fatto bene il suo lavoro. Poteva ammonirli. Se uno cade senza motivo è giallo, comportamento antisportivo – ha concluso Klopp – “.

 

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy