Juventus, Emre Can al veleno: “Esclusione dalla Champions League? Sarri non è stato sincero, ora…”

Juventus, Emre Can al veleno: “Esclusione dalla Champions League? Sarri non è stato sincero, ora…”

Il duro sfogo di Emre Can dopo l’esclusione dalla lista della prossima Champions League: “Se l’avessi saputo prima, non avrei più giocato nella Juventus”

Emre Can non ci sta.

Nella giornata di ieri, la Juventus ha presentato la lista ufficiale alla Uefa per la fase a gironi della prossima Champions League. Due le esclusioni eccellenti: Maurizio Sarri, infatti, ha scelto di lasciare fuori sia il centrocampista tedesco di origine turca, sia Mario Mandzukic, oltre a Giorgio Chiellini, operato con successo al ginocchio dopo la rottura del crociato.

Un infortunio che di fatto ha cambiato le strategie del club bianconero, con Daniele Rugani che – invece – farà parte della squadra che affronterà il prestigioso torneo internazionale nonostante sembrasse destinato a restare fuori dalla Champions League. Manifestazione alla quale parteciperà anche il neo-acquisto Aaron Ramsey, attualmente fermo ai box.

Chi non ha preso bene il “taglio” è proprio il numero 23 bianconero che, dal ritiro della Germania, non ha nascosto tutta la sua delusione per l’esclusione. “Non so darmi una spiegazione, ho ricevuto un chiamata che non è durata nemmeno 60 secondi da Sarri. E’ un’enorme delusione, in Champions io ci devo giocare. Sono scioccato e arrabbiato. La settimana scorsa la società mi aveva promesso altro, avevo parlato con altre squadre e avrei potuto disputare la Champions. L’allenatore non è stato sincero con me. Se l’avessi saputo prima, non avrei più giocato nella Juventus. Ora trarrò le mie conclusioni e parlerò con la società ed il mio agente”, sono state le sue parole ai microfoni di ‘Sport1’.

Dichiarazioni che non passeranno certamente inosservate e che potrebbero aprire nuovi scenari in vista della prossima sessione invernale di calciomercato.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy