Juventus-Atletico Madrid, Morata: “A Torino ci aspetta una guerra. L’esultanza? Non lo farò mai più…”

Il centravanti dei Colchoneros ha parlato della sfida contro i bianconeri e della sua esultanza durante la gara d’andata

Ribaltare il risultato dell’andata e conquistare un posto nei quarti di finale.

Questo l’obiettivo principale della Juventus, che in occasione dell’andata degli ottavi di finale della Champions League è scesa sul campo del Wanda Metropolitano per affrontare l’Atletico Madrid: i padroni di casa hanno messo in mostra tutte le loro qualità e si sono imposti con il risultato di 2 a 0 grazie alle reti realizzate da José Gimenez e Diego Godin. I bianconeri dovranno adesso compiere una vera e proprio impresa nella gara di ritorno per ribaltare il risultato e guadagnarsi la qualificazione alla fase successiva.

Per la gara di ritorno il tecnico Diego Simeone si affiderà sicuramente ad Alvaro Morata, dal momento che Diego Costa sarà indisponibile a causa di una squalifica: il centravanti dei Colchoneros era già subentrato durante la gara d’andata e aveva realizzato la rete dell’1 a 0, che è stata però annullata per una sua spinta ai danni di Giorgio Chiellini. L’ex attaccante della Juventus aveva anche esultato per il gol realizzato, ed è tornato a parlare di quel momento nel corso di un’intervista rilasciata ai microfoni di Sky Sport: “A Torino non sarà facile, ci aspetta una guerra. Volevo salutare i tifosi e dire di non avere pensieri sbagliati. L’esultanza dopo il gol annullato? Ho fatto tanto per la Juventus, ma dovevo esultare qui perché significava tanto per me anche se non lo farò mai più“.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy