Champions League, Atletico Madrid-Juventus 2-0: bianconeri ko al ‘Wanda’, VAR protagonista

Il commento di Atletico Madrid-Juventus, gara d’andata degli ottavi di finale di Champions League

È terminata con il risultato di 2-0 Atletico Madrid-Juventus, gara d’andata degli ottavi di finale di Champions League.

La prima metà di gioco si chiude sullo zero a zero nonostante l’alto ritmo. Le due compagini al ‘Wanda Metropolitano’ si scontrano a testa alta e a toni duri, tanto che sono già due gli ammoniti: Diego Costa e Thomas, entrambi diffidati e che salteranno la gara di ritorno, così come Alex Sandro, che ha preso il giallo nella ripresa. Un brivido per i bianconeri al 27′, quando l’arbitro fischia un rigore a favore dei Colchoneros, ma il Var nega la gioia ai padroni di casa segnalando che il fallo di Mattia De Sciglio è avvenuto al limite dell’area. Nel secondo tempo la squadra di Massimiliano Allegri rischia ancora, prima su un contropiede di Diego Costa e poi su un tiro di Antoine Griezmann, terminato sulla traversa. Al 54′ la squadra di Diego Simeone sente nuovamente odore di rigore, a seguito di un tocco di mano in area da parte di Mario Mandzukic, giudicato tuttavia involontario dal direttore di gara dopo un consulto con i suoi assistenti. Il Var nega ancora la gioia agli spagnoli al 70′, quando l’ex della gara Alvaro Morata mette a segno la rete del vantaggio battendo con un colpo di testa il portiere avversario. Nulla da fare, però, per una presunta spinta dell’attaccante su Giorgio Chiellini, giudicata fallosa dall’arbitro. Passano soltanto nove minuti, tuttavia, e i progetti dei padroni di casa si realizzano. Arriva al 79′, infatti, dopo un assalto durato per quasi tutta la seconda metà della gara, il gol tanto ricercato: Jose Maria Gimenez si trova, nel mucchio, al posto giusto al momento giusto e a seguito di un tocco sfortunato di Mario Mandukic mette in rete il pallone in scivolata. I bianconeri non riescono più a ripartire, tanto che cinque minuti dopo i madrileni raddoppiano con il capitano Diego Godin, il quale firma il 2-0 grazie ad una potente conclusione che fulmina Wojciech Szczesny. La squadra ospite protesta per una spinta su Leonardo Bonucci, ma il direttore di gara convalida la rete senza avere dubbi. Nei minuti finali la squadra di Massimiliano Allegri tenta di rendersi pericolosa e ci riesce con un tiro da fuori area forte e ben indirizzato del neo-entrato Federico Bernardeschi, ma l’estremo difensore Jan Oblak gli dice di no. La compagine italiana torna a casa incassando due gol in cinque minuti e senza metterne a segno neanche uno, dovrà fare dunque gli straordinari allo ‘Stadium’ per giocarsi la qualificazione al turno successivo.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy