Barcellona-Inter, Rakitic: “Difficile battere i nerazzurri, hanno fame di Champions. Icardi? Uno dei migliori al mondo…”

Barcellona-Inter, Rakitic: “Difficile battere i nerazzurri, hanno fame di Champions. Icardi? Uno dei migliori al mondo…”

Le dichiarazioni del centrocampista blaugrana, Ivan Rakitic, a poche ore da Barcellona-Inter

Tutto pronto per Barcellona-Inter.

Il Camp Nou si prepara a fare da teatro alla gara valida per la terza giornata della fase a gironi di Champions League: una gara in cui i nerazzurri, dopo aver superato Tottenham e PSV, proveranno a battere anche il club blaugrana, al primo posto nella classifica del Gruppo B.

Il tecnico spagnolo, Ernesto Valverde, dovrà fare i conti con la grande assenza di Lionel Messi, che si è infortunato al braccio contro il Siviglia, e il centrocampista croato Ivan Rakitic, che teme un po’ il confronto con gli uomini di Luciano Spalletti, ha analizzato – ai microfoni de La Gazzetta dello Sport -, la sfida contro i suoi compagni di Nazionale Vrsaljko, Brozovic e Perisic: “Si vede anche da fuori che la squadra sta bene, è unita, felice, che l’ambiente è positivo. Quando una squadra prende certi ritmi acquisisce forza ed è difficile da battere. Ci aspettiamo una gara molto complicata, anche se l’assenza di Nainggolan è importante. L’Inter è pronta e ha fame di Champions, ne ho parlato anche con Rafinha che la conosce molto bene. Stiamo parlando del miglior giocatore del mondo e forse della storia, è complicato giocare senza di lui. Bisogna guardare avanti e prepararsi bene: la sua assenza è un’opportunità per gli altri e per dimostrare a lui che anche quando non c’è la squadra è in grado di lavorare bene. Io sono molto fiducioso”. 

Parole al miele su Mauro Icardi: “E’ alla prima Champions? Sembra una bugia. È uno dei migliori attaccanti del mondo. Perisic mi dice che è cresciuto tanto, che sa bene l’importanza che ha per la squadra e la fiducia che i compagni hanno in lui, che è molto partecipe. A me sembra un vero capitano. Un gol su 15 palloni toccati nel derby? È tornato Pippo Inzaghi! Mauro è uno di quegli attaccanti che hanno un’occasione e segnano, che non hanno bisogno di molto per far danno e per questo va controllato sempre. Guarda cos’è successo al Milan. Nel movimento che fa nel gol non c’è nulla di casuale: ci ha pensato, ci ha lavorato, e boom, uno a zero e tutti a casa. Ognuno gioca col suo stile e io vedo l’Inter molto sicura, convinta di ciò che fa e di come lo fa”. 

Chiosa finale su Monchi: “Lo volevo uccidere. Prendergli la testa e staccargliela. Ciò che ha fatto con la Roma è straordinario. È Il miglior acquisto della Roma in non so quanti anni, con tutto il rispetto per i giocatori. Se la Roma è tornata ad essere forte e competitiva gran parte del merito va a lui”. 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy