Palermo-Catania, il derby per invertire la rotta: sarà un lunedì di passione al “Renzo Barbera”

Contro il Catania il Palermo ha l’occasione per invertire la rotta

“Il derby più triste, ma il Palermo ha l’occasione per invertire la rotta”.

Titola così l’odierna edizione del ‘Giornale di Sicilia’, che punta i riflettori sull’attesissimo derby della Sicilia. Dopo sette anni e mezzo dall’ultima volta, stasera, torna l’attesissimo derby siciliano: per la prima volta nella storia dei due club, il match si giocherà a porte chiuse, come previsto dal protocollo sanitario anti Covid. Non ci sarà, dunque, il clima che sarebbe stato lecito attendersi per una partita così importante, una partita a cui il Palermo “chiede tre punti per dimostrare anche a se stesso che il gol di Almici a Catanzaro ha cambiato l’inerzia della stagione rosanero”.

A causa del Coronavirus, dunque, non ci saranno tifosi al “Renzo Barbera”, ma i supporters rosanero non hanno mai perso occasione per far sentire la propria vicinanza e il proprio supporto alla squadra di Roberto Boscaglia. Il silenzio non renderà onore a questo derby, ma anche se “agli occhi dei calciatori di Palermo e Catania saranno invisibili, ci sono, nascosti, pronti a piangere e a esultare. E se i rosa riusciranno a vincere la loro prima partita stagionale proprio contro gli etnei potranno cancellare come d’incanto tutte le bruttezze di questa prima parte di stagione. Perché il derby è sempre il derby, anche senza pubblico, anche in Serie C”.

La compagine rosanero – che deve recuperare tre partite, inclusa quella infrasettimanale con il Potenza -, è ultima in classifica con due punti conquistati in cinque gare giocate, frutto di due pareggi e tre sconfitte; i rossazzurri, invece, si trovano in 13ª posizione a quota sei punti, con un cammino di tre vittorie, un pareggio e due sconfitte, ancora due le partite da recuperare. La gara del “Renzo Barbera” si preannuncia infuocata, la posta in palio è alta. Il derby, però, “può essere una tappa importante per tutti quei rosa che finora non hanno rispettato le attese. Per lo stesso Boscaglia, accolto come un “mago ” a Palermo, il miglior tecnico sul mercato, che non ha ancora dato un’identità alla squadra. Questa è la sera giusta per trovarla”, scrive il noto quotidiano.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy