Catania, Raffaele: “Possiamo fare un grande campionato. Trapani? In Sicilia troppe situazioni negative”

Le dichiarazioni rilasciate dal tecnico del Catania al termine del match contro la Juve Stabia

catania

Parola a Giuseppe Raffaele.

Il tecnico del Catania è intervenuto in conferenza stampa al termine della sfida andata in scena ieri pomeriggio sul neutro di Lentini: un successo, quello conquistato dalla compagine etnea contro la Juve Stabia, centrato grazie alle rete messa a segno al minuto 25 da Denis Tonucci, ex di turno. Ancora un difensore in gol su palla inattiva, come già successo a Monopoli in occasione della seconda giornata di campionato.

Diversi, dunque, sono stati i temi trattati dal coach ex Potenza. Di seguito, le sue dichiarazioni.

“Non c’è un sistema di gioco predefinito. Si può variare, ma con una qualità del genere punto sulla difesa a tre. Dobbiamo lavorare per essere imprevedibili con conoscenze tra i vari reparti. Dobbiamo rimanere con i piedi per terra perché così i risultati arrivano. Per il momento abbiamo approcciato il campionato nella maniera giusta. Abbiamo dei limiti che vogliamo andare a limare e pregi da mantenere – ha spiegato Raffaele -. La mia storia da allenatore è quella di ottenere il meglio dai giocatori. Non ho paura di dire che questa squadra è importante e può fare un grande campionato. Do un voto altissimo agli attaccanti. Arriveremo a saper far tutto. Poi i risultati si vedranno. Forse questo è uno dei campionati più difficili. Bisognerà avere la testa pronta. Quando sono stato a Trapani ho ricevuto grande ospitalità. Gli auguro di trovare presto un campionato e di tornare presto sui livelli che Trapani merita. In Sicilia purtroppo stiamo vedendo troppe situazioni negative. Spero che sia l’ultima nota negativa e si possa ripartire come il calcio siciliano merita. Ci aspetta tanto lavoro e tre partite difficili. Dobbiamo essere pronti per le battaglie che iniziano a dire tanto. Dobbiamo continuare ad avere consapevolezza. Mi auguro che i ragazzi capiscano che questa è la giusta strada”, ha concluso.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy