Catania, Pellegrino: “Battiamo il Foggia, il -2 in classifica ci danneggia. Il capitolo Tacopina…”

Le dichiarazioni rilasciate dal direttore dell’area sportiva del Catania: “Udienza il 5 maggio? Soluzione fuori logica”

“Un conto è osservare la classifica attuale e leggere 60 punti, un conto è averne 58 col -2 accanto”.

Parola di Maurizio Pellegrino. Diversi sono stati i temi trattati dal direttore dell’area sportiva del Catania, intervistato ai microfoni de “La Sicilia”: dal momento della compagine etnea, reduce dalla vittoria conquistata ai danni della Casertana, alla penalizzazione in classifica. Il Collegio di Garanzia ha fissato l’udienza per i due punti di penalizzazione al 5 maggio 2021.

“Saremmo stati a pari punti col Bari e avremmo avuto il quadro reale del percorso e del lavoro che abbiamo portato avanti. Un’idea più giusta del valore della squadra che sicuramente in una stagione a ostacoli, comunque, ha raggiunto una posizione onorevole. Ho sempre detto alla squadra che dobbiamo continuare a lavorare senza pensare ad altre soluzioni. Per scelta nostra, per la gestione mentale del campionato non abbiamo mai cercato alibi polemizzando per gol annullati o per rigori non concessi. Il 5 maggio, poi, è una soluzione fuori logica, se vuole saperlo. In ogni caso quando saranno adottate le decisioni, qualcuno dovrà spiegarci le ragioni del ritardo. Abbiamo inoltrato il ricorso a dicembre”, sono state le sue parole.

PLAYOFF – “Ghirelli ha auspicato il ritorno del pubblico allo stadio per i playoff? Bisogna necessariamente compiere sforzi immani per fare tornare il pubblico allo stadio. Subito. Con gli ingressi controllati, lo stadio può essere un luogo sicurissimo. Finiamola con queste ipocrisie, se si rispettano le regole lo stadio è sicuro. Questo è un momento sociale importante per avvicinarci alla normalità. I vari settori hanno entrate separate, c’è un servizio di vigilanza che può lavorare per fare rispettare le norme di sicurezza. Abbiamo bisogno del tifo noi come società, ma la gente soprattutto ha voglia di tornare allo stadio”.

BALDINI – “L’allenatore ha grandi meriti sulle 5 vittorie, poi c’è un gruppo speciale. Baldini ha trasformato la squadra nella mentalità e nel modo di stare in campo. Faccio un cenno anche a Raffaele: ha fatto un ottimo lavoro con 32 punti conquistati nel girone di andata. Rapportati alle difficoltà che ha avuto è stato un grande risultato. Poi Baldini ha dato un’accelerazione. Lo staff ha uomini nuovi e un metodo differente. E poi l’esperienza e il carisma di Guerini sono fondamentali per il lavoro sul campo e dietro le quinte. Se riconfermerei Baldini? Ho trovato di pessimo gusto che si parli già di allenatori per il prossimo anno. Baldini sta lavorando in maniera straordinaria. Alla fine della stagione chi dovrà decidere lo farà”.

CASERTANA E FOGGIA – “Ci prepariamo per cercare di vincere senza fare calcoli e senza sperare che qualcuno ci faciliti il percorso. Il Catania ha battuto la Casertana giocando il miglior calcio della stagione? La partita è la dimostrazione pratica che questo è un gruppo unito e chi è stato chiamato anche all’ultimo istante per giocare, lo ha fatto con precisione. Da sempre questa squadra è stata pronta per affrontare qualsiasi avversario. La vittoria di domenica ha dato contenuti importanti alla società e anche all’esterno”.

TACOPINA – “Abbiamo lavorato per rendere migliore la società sotto ogni aspetto, è stato portato avanti un processo di lavoro straordinario, pensiamo a chiudere il campionato al meglio, abbiamo messo basi per creare al Catania un domani glorioso. Abbiamo dato una gestione innovative a tutte le aree, se ci sarà un passaggio di consegne definitivo si potrà lavorare al meglio”, ha concluso.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy