Mediagol
I migliori video scelti dal nostro canale

CATANIA

Catania, il ds Pellegrino: “Errori arbitrali? Adesso è troppo! La squadra dà il 100%”

Catania, il ds Pellegrino: “Errori arbitrali? Adesso è troppo! La squadra dà il 100%”

Al termine della sfida del "Massimino" Catania-Turris, terminata con la sconfitta degli etnei per 3-4, il ds del club etneo, Maurizio Pellegrino, ha presenziato alla conferenza stampa post gara per analizzare le criticità della gara

⚽️

Al termine del ko in terno per 3-4 della compagine etnea guidata dal tecnico Francesco Baldini, il direttore dell'area sportiva del Catania, Maurizio Pellegrino, ha presenziato al posto del mister nel corso della conferenza stampa post-gara. Il dirigente ha rilasciato alcune dichiarazioni ai microfoni della stampa, come già reso noto dal club rossazzurro subito dopo la sconfitta contro la Turris. Di seguito quanto espresso dal ds etneo a seguito del risultato scaturito al "Massimino"  soprattutto, dopo le decisioni arbitrali che hanno condizionato la gara, portando all'espulsione del jolly offensivo Russini e del tecnico Francesco Baldini.

RACCOLTO POCO PER QUANTO PRODOTTO - "Prevale la rabbia perché le immagini dimostrano chiaramente che le ultime due gare sono state condizionate da decisioni arbitrali, indipendentemente dai nostri errori, dai nostri limiti e difetti. Se ci si mettono anche le decisioni dell’arbitro che vanno a complicare l’andamento di una gara, così diventa impossibile. Questo mi dispiace molto perché l’impegno di tecnico, staff e giocatori è massimale. Dobbiamo sopperire ai limiti col massimo dell’impegno e lo stiamo facendo, abbiamo a mio avviso raccolto poco in queste ultime gare rispetto a quanto mostrato, ma dobbiamo avere la lucidità e la serenità di guardare già alla partita di lunedì".

ERRORI ARBITRALI, ADESSO E' TROPPO - "Non ci siamo mai lamentati degli arbitri per un anno intero, così però mi sembra troppo. Non tanto per le decisioni arbitrali che hanno determinato e condizionato, sono gli atteggiamenti che non sono più tollerabili. Noi siamo il Catania, una squadra, una società, una città di grandissime tradizioni e non si possono avere atteggiamenti del genere in mezzo al campo. Siamo passati in vantaggio, poi abbiamo commesso ancora un errore individuale che ci è costato il pari della Turris ma avevamo tanto tempo per potere recuperare. Abbiamo sofferto la Turris nel primo tempo, però ditemi voi come si fa e quali sono le prospettive di una partita in equilibrio se si espelle Russini dopo che la prima ammonizione è scattata per una simulazione quando invece è stato toccato in area e poi estrai il secondo giallo per un fallo da dietro che l’arbitro ha ritenuto cattivo. Ma come si fa? Non è possibile. E’ chiaro che in una partita in cui già stavamo facendo fatica a prendere le misure rimani in dieci in quella maniera e poi devi ripartire per cercare di riequilibrarla, tutto diventa più complicato".

DIAMO SEMPRE IL 100% - "Io questi ragazzi li ho visti impegnarsi fino al 95′ per cercare di recuperare. Se penso a Pagani, Bari, Catanzaro c’è di tutto. Ci sono i nostri errori, difetti, limiti ma nelle ultime due gare non si possono non sottolineare errori arbitrali clamorosi che hanno determinato questi risultati. Probabilmente qualcuno si accorgerà che anche noi ci possiamo incazzare, detto questo poi bisogna avere anche la lucidità di pensare alla partita di lunedì e rasserenare questa squadra, allenatore e staff dandogli tanta fiducia e vicinanza perché sono convinto che ne verranno fuori alla grande. Il Catania fino alla fine ha provato a pareggiarla. I ragazzi hanno dato tutto quello che avevano fino alla fine. Sul tiro di Calapai poteva essere il 4-4 determinando un pareggio che i ragazzi avrebbero meritato”

ORA PIU' CHE MAI BISOGNA ESSERE UNITI - "Il mio primo pensiero è ricompattarci, stare uniti, crederci e lavorare tanto perché un momento difficile. Spero che tutti lo capiscano e stiano vicini come non mai a questa squadra perché se lo merita per impegno e serietà. Siamo solo alla sesta partita, pensiamo a fare bene lunedì. Ci mancano un po' di punti, i punti sono fondamentali. Speriamo giri bene anche a noi con qualche decisione arbitrale e qualche risultato positivo perché io se non guardo al lavoro che stanno portando avanti l’allenatore e questi ragazzi e non ho la lucidità per guardare a quello che si sta facendo mi farei prendere anch’io dal forte nervosismo. Non può essere così, abbiamo il dovere di archiviare questa giornata amara e pensare già alla ripresa degli allenamenti e al-la gara col Picerno perché è l’unica forma sana di venire fuori da questa situazione. Bisogna migliorare su tanti aspetti, lo sappiamo perché siamo una squadra in questo momento con un potenziale ancora da esprimere. C’è un campionato intero da affrontare, questi ragazzi miglioreranno con il lavoro ottenendo i risultati che meritano".

tutte le notizie di