Mediagol
I migliori video scelti dal nostro canale

CAOS CATANIA

Catania, Astorina: “Ci sia serio interesse per il club. Mancini? Errore PEC voluto”

Catania, Astorina: “Ci sia serio interesse per il club. Mancini? Errore PEC voluto”

Le dichiarazioni dell'ex presidente del Catania, Gianluca Astorina, che si è espresso su problematiche e futuro in bilico della società etnea

Mediagol ⚽️

Esercizio provvisorio ulteriormente prorogato al 17 marzo e terzo bando d'asta fissato per il 15. Sono queste le ultime decisioni deliberate dal Tribunale di Catania e dai curatori fallimentari, che gestiscono e monitorano la situazione societaria attorno al Calcio Catania. Due le aste già andate deserte per l'acquisizione del ramo sportivo, con l'ultima datata 7 marzo che sa di beffa, dopo la querelle sull'offerta-non offerta pervenuta da parte dell'imprenditore laziale Benedetto Mancini. Sul caso Catania si è espresso l'ex presidente del club, Gianluca Astorina, che ai microfoni di TeleJonica ha dichiarato le sue impressioni sul futuro della società rossazzurra. Di seguito le dichiarazioni del dirigente siciliano riportate tuttocalciocatania.com.

La proroga dell’esercizio provvisorio è una bellissima notizia, vedremo se c’è soltanto la manifestazione d’interesse di Mancini o ci sono anche altri soggetti. La PEC di Mancini non pervenuta? Mi sono arrabbiato molto per il comunicato stampa, peraltro non firmato, perché non puoi lasciare il cerino al Tribunale dopo avere fatto tutta una serie di errori voluti. Voluti perché evidentemente aveva la sua strategia. Il Tribunale si è dimostrato responsabile e con la voglia di non fare del male alla città di Catania. In qualsiasi altro caso probabilmente si sarebbe staccata la spina. Baldini parla di stipendi non pagati? Probabilmente quelli di novembre e dicembre rientrano all’interno del periodo pre fallimento e quindi diventa più problematico pagarli, gli altri invece penso che verranno pagati anche perchè c’è da affrontare la scadenza del 16 marzo. I curatori stanno tentando di salvare la squadra per non fare sparire il calcio a Catania. La Serie C non è la A, ma va bene comunque. Stanno facendo il massimo. Sicuramente avranno avuto le loro garanzie perchè i curatori hanno il compito di non creare debiti, essendo autorizzati del Giudice e dal Presidente del Tribunale. Il Palazzo di Giustizia le prova fino all’ultimo istante per salvare il Catania e accontentare qualche creditore. Ritengo che in un momento del genere, anche per aiutare la curatela e la squadra che sta dando l’anima, lo stadio andava riempito“.

tutte le notizie di