Calciomercato Palermo, oggi il gong finale: i rosa non sono ancora al top e Boscaglia aspetta rinforzi

Oggi si chiude il mercato: Roberto Boscaglia chiede rinforzi

Roberto Boscaglia chiede rinforzi.

Preso atto delle mancanze e delle lacune di questa squadra – che ha steccato la prima di campionato contro il Teramo -, il tecnico originario di Gela si aspetta almeno altre due-tre pedine che possano andare a completare l’organico. D’altra parte, nella lista da presentare alla Lega compaiono ancora ben quattro slot libere. Attualmente, il reparto più in deficit è senza ombra di dubbio il centrocampo, dove i rosa hanno solamente quattro elementi. Tra questi, Malaury Martin appare decisamente indietro nelle gerarchie e Jérémie Broh non è ancora in condizione, come ammesso dallo stesso allenatore in conferenza stampa. 

Fondamentale, in tal senso, la situazione di Gregorio Luperini, con il Trapani ormai prossimo all’esclusione dal campionato – dopo non essersi presentato a Catanzaro -, lo svincolo del centrocampista classe ’95 è sempre più vicino. Da rinforzare anche l’attacco, dove il duo amministrativo composto da Rinaldo Sagramola e Renzo Castagnini hanno seguito in passato Piccolo della Cremonese, che in questi giorni ha ratificato la risoluzione del contratto col club grigiorosso. Tuttavia, la pista che porta al capoluogo siciliano non sembrerebbe essere molto concreta.

Nel frattempo, ieri “il Palermo ieri è rimasto a guardare e forse il rinvio della partita non è stato proprio un male. I rosa non sono ancora al top per ammissione di Boscaglia e della società, giocare due partite in tre giorni sarebbe stato problematico. Oggi si chiude il mercato. Non ci aspettiamo botti, ma almeno due rinforzi sì. Se non arrivano, qualcuno dovrà spiegarlo a Boscaglia”, scrive l’odierna edizione del ‘Giornale di Sicilia’.

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. sbt5 - 2 settimane fa

    Be’ diranno abbiamo fatto il possibile…….
    Cioè niente.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy