Mediagol
I migliori video scelti dal nostro canale

AVELLINO-BARI, IL DOPPIO EX

Kutuzov: “Bari più stabile dell’Avellino, ma gara aperta. Girone C? A Palermo…”

LECCE, ITALY - JANUARY 06:  Guillermo Giacomazzi of Lecce and Vitali Kutuzov of Bari  in action during the Serie A match between Lecce and Bari at Stadio Via del Mare on January 6, 2011 in Lecce, Italy.  (Photo by Giuseppe Bellini/Getty Images)

L'attaccante bielorusso, Vitaliy Kutuzov, si è espresso sul girone C di Serie C, oltre che in qualità di doppio ex di irpini e galletti, sul big match tra Avellino-Bari, in programma lunedì sera alle 20.30, al "Partenio-Lombardi"

Mediagol (sc) ⚽️

Nel corso della diciassettesima giornata del girone C di Serie C, tra i big match in programma nel weekend, oltre la sfida dello Stadio "Renzo Barbera" tra Palermo e Monopoli, spicca il posticipo del lunedì in scena al "Partenio-Lombardi" tra Avellino e Bari. Della gara tra la compagine biancoverde guidata da Piero Braglia ed i biancorossi allenati da Michele Mignani, si è espresso l'attaccante bielorusso, Vitaliy Kutuzov, che ha vestito le maglie di Milan, Parma, Sampdoria, oltre che doppio ex di irpini e galletti, intervistato ai microfoni di TuttoBari.com.

AVELLINO-BARI - "È un derby del sud, un derby di calore e, tra virgolette, di tifoseria, che per passione si assomigliano tra di loro. Sono diverse da quelle del Nord. La situazione del Bari è più stabile, quella dei lupi più turbolenta. L'Avellino, negli ultimi anni, ha preso delle botte pesanti e sta cercando di rialzarsi. I galletti hanno, ormai da tre anni, una proprietà stabile, mentre l'Avellino è ancora alla ricerca di una stabilità che non so se ha trovato. Da esterno, sembra che la stia ancora cercando. I biancorossi sono più organizzati, ma in una partita può succedere di tutto".

CONTENDENTI ALLA PROMOZIONE - "Il Girone C è un girone particolare, con tutto il calore del Sud. Essere primi in classifica ora è importantissimo. Il San Nicola è un'arma in più, ma ci sono altri stadi come quello di Avellino, dove ho giocato, o di Palermo, dove il calore non manca. La tifoseria del Bari può essere il dodicesimo uomo in campo"