Mediagol
I migliori video scelti dal nostro canale

L'intervista

Bari-Vibonese, Mignani: “Parte tutto dalla testa. Mi aspettavo di più dai miei”

Bari-Vibonese, Mignani: “Parte tutto dalla testa. Mi aspettavo di più dai miei”

Le dichiarazioni dell'allenatore del Bari, Michele Mignani, a margine della vittoria dei Galletti contro la Vibonese

Mediagol (nic) ⚽️

Due reti e tre punti per il Bari di Mignani quest'oggi. I Galletti hanno messo al tappeto l'ostica Vibonese riallungando sulle inseguitrici del Girone C di Serie C. Nella giornata odierna, il Palermo di Giacomo Filippi ha battuto il Potenza mentre il Monopoli di Colombo ha sconfitto il Taranto dell'ex rosa Saraniti. A margine della sfida vinta dal Bari, il tecnico Michele Mignani è intervenuto ai microfoni di RadioBari. Di seguito, le sue dichiarazioni.

"Le sconfitte hanno un peso importante e nel primo tempo si è visto. Eravamo poco liberi mentalmente, mentre nella ripresa ci siamo sciolti. Infatti nel secondo tempo abbiamo fatto una buona mezzora, ma dovevamo chiuderla. Negli ultimi dieci minuti abbiamo gestito male la palla.  In generale, però, abbiamo concesso poco alla Vibonese, se non qualche rimpallo e azione su palla inattiva. Mi aspettavo di più dai miei - ha affermato Mignani -soprattutto nelle ripartenze. In certi momenti, però, se non sei con la testa fai più fatica. Sotto l'aspetto della predisposizione a giocare non siamo mancati, mentre abbiamo sbagliato qualche uno contro uno nelle ripartenze. Nel primo tempo abbiamo giocato troppo lenti, sbagliando tante palle in uscita".

Sui motivi di questa flessione: "Parte tutto dalla testa, se ti incupisci fai più fatica. Se sei libero viene tutto più semplice. Nulla viene per caso. Tutte le partite sono difficili e dobbiamo mettere in campo quella qualità che ci permette di fare la differenza. Si può fare meglio, questo sì. È mio compito portare questa tranquillità", ha dichiarato Mignani.

Sui singoli e i tifosi: "De Risio è un grande professionista, si è sempre allenato in gruppo. Sta bene, avevo bisogno di mettere fisicità ed era l'occasione giusta per lui. D'Errico? In questo momento ci sono altri meglio di lui. Pubblico? Molto bello, è una soddisfazione averli con noi", ha chiosato l'allenatore del Bari.