Mediagol
I migliori video scelti dal nostro canale

le dichiarazioni

Avellino, D’Agostino chiama i tifosi: “Per la gara col Palermo lanceremo iniziativa”

Avellino, D’Agostino chiama i tifosi: “Per la gara col Palermo lanceremo iniziativa”

Le dichiarazioni rilasciate dal dirigente dell'Avellino in vista della sfida contro il Palermo, in programma il 13 marzo

Mediagol ⚽️

"C'è stato un confronto con le aree tecniche e alla fine abbiamo deciso da entrambe le parti di rinviare la gara a data da destinarsi. Non c'erano le condizioni per giocare e abbiamo pensato all'incolumità dei giocatori". Lo ha detto Giovanni D'Agostino, amministratore unico della IDC, intervenuto ai microfoni di Radio Punto Nuovo. Nella giornata di ieri è stata rinviata a data da destinarsi la sfida tra Avellino e Catania, in programma allo Stadio "Partenio Lombardo". Una forte nevicata e ridosso del match, infatti, non ha permesso alle due formazioni di scendere in campo.

"È stato veramente bello vedere i tifosi cantare 'È solo tempo da lupi'. Una delle scene più belle da quando siamo noi alla presidenza. Poi i ragazzi si sono allenati una quarantina di minuti per sfruttare il pomeriggio e salutare il pubblico che è venuto a sostenerci, ed era doveroso - ha dichiarato il dirigente del club irpino -. Dobbiamo approfittare di questa piccola sosta per recuperare giocatori, al di là dei risultati delle altre: dobbiamo pensare esclusivamente a noi e poi vedere dove arriveremo".

I TIFOSI -"Stiamo organizzando una nuova iniziativa di fidelizzazione per avvicinare ulteriormente i tifosi, che lanceremo lunedì. Non posso anticipare nulla, ma abbiamo bisogno di tutti per le ultime quattro partite in casa, la prima sarà con il Palermo e vogliamo portare più tifosi possibile allo stadio. Lanceremo dei mini-abbonamenti per le ultime 4 partite casalinghe, con ridotti speciali per Under 10 e donne".

GAUTIERI -"C'è maggiore leggerezza, anche per questioni anagrafiche del mister, che è più vicino ai calciatori. C'è un clima più distintivo, senza perdere l'attenzione e la concentrazione, partita dopo partita. C'erano un po' di ansie da scaricare, tante ansie che ci hanno portato a prendere una decisione inevitabile. Mi è piaciuto molto come si sono calati nell'ambiente e nella squadra il mister e il direttore, c'era bisogno di due figure così in questo momento", ha concluso D'Agostino.