Zamparini: “Mepal e sospetti Guardia di Finanza, la verità. Baccaglini? Sua offerta non era di 20 mln”

Zamparini: “Mepal e sospetti Guardia di Finanza, la verità. Baccaglini? Sua offerta non era di 20 mln”

Il proprietario del Palermo si dice sicuro che alla fine i sospetti della Guardia di Finanza rimarranno tali e non verranno trovate irregolarità. “Vi racconto tutto sulla Mepal”.

13 commenti

Un venerdì che Zamparini e il Palermo, di certo, non dimenticheranno mai. Il risveglio con il blitz della Guardia di Finanza in sede e nella casa del patron friulano per reperire tutti i documenti sospetti, alla ricerca di prove che suffragassero le ipotesi di reato.

Si parla di riciclaggio, di appropriazione indebita e di falso in bilancio. Maurizio Zamparini dice di conoscere il motivo di questi sospetti delle fiamme gialle, sospetti a suo modo di vedere totalmente infondati.

“Tutto è iniziato dalla Mepal, ma si tratta assolutamente del nulla. Con Mepal abbiamo fatto un’operazione di ottimizzazione del bilancio e adesso sta tornando con un’operazione inversa – ha raccontato Zamparini attraverso le colonne del Giornale di Sicilia -. Al posto di essere iscritta come credito diverrà una partecipazione. Mepal è stata ceduta ad una società (Alyssa SA, ndr) sotto il controllo di una mia holding lussemburghese, la quale ha un debito di 40 milioni nei confronti del Palermo. Alyssa sarebbe poi diventata proprietà di Baccaglini, in modo da avere i 40 milioni di liquidità e l’apporto di Mepal dentro. Ma l’operazione di ottimizzazione di bilancio era normalissima, non c’è mai stato un passaggio di nulla”, ribadisce Zamparini che è certo che alla fine i sospetti della Guardia di Finanza rimarranno tali e non verranno trovate irregolarità. “Hanno messo il delinquente in prima pagina e invece bastava chiedere prima i documenti della Mepal. Questa è la vergogna del nostro Paese”.

Caos Palermo, avv. Sanseverino: “Ho sentito Zamparini, rimane battagliero come sempre”

L’auspicio di Zamparini è di chiudere quanto prima questa vicenda, nel migliore dei modi, per poi riaprire un altro discorso, quello relativo alla cessione del club di viale del Fante: nei giorni scorsi è tornato di moda il nome di Frank Cascio, ex manager di Michael Jackson, la cui offerta d’acquisto della società rosanero era stata respinta non più tardi di dieci mesi fa. Cascio, in Italia, si era presentato anche con Paul Baccaglini, la cui offerta non era di venti milioni, come scritto in questo comunicato da Zamparini: “No: l’offerta di Baccaglini era di cinque milioni per il cento per cento delle azioni del Palermo. E gli altri quindici in tre anni”, ha spiegato l’imprenditore friulano.

13 commenti

13 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Luke Lam - 2 settimane fa

    Se dovesse arrivare la sua dipartita la sua famiglia vende a chi paga i debiti e via e’ fatta

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Giuseppe la Barbera - 2 settimane fa

    Gabriele Lauria non esiste sembra che….chi posta si accolla i crediti e i debiti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Vincenzo - 2 settimane fa

    Zampariniiii a Palermo si dice fatti una suppa di cachi’lasciaci la commedia è finita,palermo ed i tifosi palermitani non ti tollerano più

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Alessandro Cataldo - 2 settimane fa

    Perché lui come lo ha comprato il Palermo 15 milioni in tre anni ha pagato a sensi

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Gaetano Manno - 2 settimane fa

    Questo è vero, lui cerca uno che mette i soldi che però vorrebbe gestire sempre lui. È questo è praticamente impossibile, chi mette i soldi giustamente vuole comandare. Che schifo di situazione ragazzi. Chissà come andrà a finire, il peggior incubo e che la prossima stagione si potrebbe rivivere esattamente come quella scorsa andata, cioè che a dicembre ci ritroviamo in bassa classifica e già a dover dare per finito il campionato, con una cosa in più ancora peggiore stavolta.. “La serie C”

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. ronemax - 2 settimane fa

    Domani dirà che per cedere il club avrebbe dovuto pagare lui Baccaglini

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Joe Palermo - 2 settimane fa

    Con tutti i discorsi obiettivi che si possono fare rifletti su questo se una società che ora è in serie B ,il passato non conta anche il Messina e il Catania sono stati in A ma ora sai dv benissimo dv sono ,che ha almeno 40 milioni di debiti , non ha alcun bene immobile , un parco giocatori da serie C a parte 3-4 elementi ,un offerta di 20 milioni a.mio avviso era più che congrua per l acquisizione della società , ti chiedi perché società importanti come Sampdoria, Bologna, Atalanta, Cagliari hanno cambiato proprietà ne arco di ben pochi giorni, mentre il signor Zamparini afferma di vendere la società da almeno 3 anni e nn se ne fatto nulla ,tutti incompetenti i vari Viola,Baccaglini, Cascio io nn credo ,penso che le condizioni potrebbero essere che lui in realtà non vorrebbe andarsene del tutto , anche se vedesse lui vorrebbe fare il consulente ,te lo immagini uno che acquisisce la società, e poi deve far comandare a lui , se ti rendi conto lui dice sempre mi hanno chiesto di fare il consulente ,che poi non è assolutamente vero , come poi ha riferito Baccaglini, lui a mio avviso vorrebbe poi anche lucrare anche sulla costruzione dello stadio e mi fermo qui , potrei scrivere un poema.su questo uomo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Sergio Granà - 2 settimane fa

    La verità è che mz non vuole vendere il suo giocattolo!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Sergio Granà - 2 settimane fa

    Offerta totale del gruppo di Baccaglini di 70mln: 20mln pagabili in 4 rate annuali da 5, 10mln di bonus in caso di risalita immediata in A, 40mln per la copertura dei debiti societari.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Joe Palermo - 2 settimane fa

    Ormai zamparini sbugiarda anche se stesso , prima redige un comunicato in cui presenta l offerta di Baccaglini, che con un comunicato precedente sosteneva di non poteva rendere pubblica , poi dice che a Trm che del Palermo non gliene frega più un ca..xo , ma poi sostiene di nn averlo mai detto,questo secondo me a forza di dire balle , non si ricorda neanche quello che dice e finisce per contradirsi lui stesso

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. Gaetano Manno - 2 settimane fa

    Ovviamente questa cosa dei debiti il sig Zamparini non lo dice minimamente nel suo comunicato

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. Gaetano Manno - 2 settimane fa

    I debiti si è vero, però per uno che deve vendere se ti metti nei suoi panni ti accontenti di vendere una tua società di calcio a quel prezzo è soprattutto con quelle modalità? Sono il primo ad avercela con Zamparini per come ha ridotto il Palermo calcio, sto cercando di fare un discorso obbiettivo mettendo l’odio (sportivo) verso di lui da parte.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. Gabriele Lauria - 2 settimane fa

    Sembra si accollasse anche i 40 di debiti.. quindi 60. Per una società interamente da ricostruire e senza parco giocatori mi sembra congruo

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy