Palermo: col Frosinone salvezza tra i veleni. Mesto il tramonto dell’era Zamparini

Palermo: col Frosinone salvezza tra i veleni. Mesto il tramonto dell’era Zamparini

Perché è sempre più semplice immaginare complotti invece di esaminare le manchevolezze proprie.

1 Commento

Sarà aspra in campo, ma è già addirittura urticante fuori, dove i veleni e i retro-pensieri si mischiano all’angoscia indotta dalla classifica e al desiderio di ribaltarla con una vittoria.

L’edizione odierna di ‘Tuttosport‘ punta i riflettori su quello che sarà il lunch-match della 35esima giornata e sul nervosismo che accompagnerà la sfida-salvezza del Matusa. Il Palermo farà visita al Frosinone per giocarsi la sua ultima chance: il pareggio di ieri del Carpi ha ridotto al lumicino le speranze di permanenza in A dei rosanero, penalizzati anche da una peggiore differenza reti.

CARPI: -18

PALERMO: -32

SERIE A, LA CLASSIFICA AGGIORNATA

“Frosinone-Palermo non potrà mai essere una partita normale – scrive il quotidiano sportivo -. Non per i siciliani, che si sono trovati invischiati nelle sabbie mobili al tramonto di una stagione in cui hanno davvero fatto di tutto per complicarsi la vita. Il combinato disposto tra paura (rosanero) e speranza (gialloblù) alimenta appunto l’avvelenamento dei pozzi.

Quindi le citazioni: “Maurizio Zamparini, a inizio settimana, aveva detto ‘Quelli del Verona si scansavano’. Una volta sparso in giro, il sospetto aleggia greve. Tanto più che è una sindrome contagiosa, quella dell’accerchiamento. E ne è rimasto vittima pure l’ambiente frusinate che è rimasto scottatissimo nella seconda trasferta consecutiva a Verona nel giro di tre giorni. Tutt’altro clima con il Chievo: 5 gol subiti, botte e animosità. ‘Il Frosinone in A non fa comodo a questo calcio finto’ hanno titolato all’unisono i media locali”.

Ciociaria Oggi: “Il Frosinone in A non fa comodo a questo calcio finto”. E poi accusa l’arbitro Russo

Perché è sempre più semplice immaginare complotti invece di esaminare le manchevolezze proprie. Così la preparano più fuori, che dentro, questa benedetta partita. Con una differenza fondamentale, in caso di ko: al Frosinone, delusione a parte, eventualmente non cambierebbe nulla, al Palermo invece moltissimo. E il tramonto dell’era Zamparini rischia di essere molto mesto.

1 commenti

1 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. vabbe' - 11 mesi fa

    tutta finta….finta la protesta per la partita di Verona,finta la stupida altalena degli allenatori,finta la presunta tristezza per la retrocessione….l’unica verita’ è che la retrocessione Zamparini l’aveva decisa questa estate e l’ha ratificata a Gennaio indebolendo la squadra,quando cominciava a temere che il Palermo si potesse salvare…che se ne vada al piu’ presto perche’ ormai Palermo l’ha capito….

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy