Schillaci: “Zeman? Vi racconto un aneddoto”

Schillaci: “Zeman? Vi racconto un aneddoto”

“Pochi giorni fa ho sentito Zeman al telefono e gli ho detto: ‘Mister, si ricorda di me? Sono quello che arrivava sempre ultimo’. E lui mi ha risposto con un mezzo ghigno: che personaggio Sdengu (il.

Commenta per primo!

“Pochi giorni fa ho sentito Zeman al telefono e gli ho detto: ‘Mister, si ricorda di me? Sono quello che arrivava sempre ultimo’. E lui mi ha risposto con un mezzo ghigno: che personaggio Sdengu (il nomignolo di Zeman, ndr )”. Parla così dell’allenatore boemo, l’eroe delle ‘Notti Magiche’ Totò Schillaci: l’ex attaccante della Juve si è raccontato alle colonne de ‘La Gazzetta dello Sport‘ nel giorno del suo cinquantesimo compleanno. “Era il solo capace di mandarmi in panchina, eppure con lui al Messina ho vinto la classifica dei cannonieri di B con 23 reti – ricorda Schillaci -. Gli devo il mio passaggio alla Juve. Vi racconto il siparietto che facevamo ai tempi del Messina: io mi facevo staccare dal gruppo durante le prove di velocità e lui si avvicinava e mi apostrofava così: ‘Ma è possibile che finisci sempre in coda?’. E io: ‘Mister, ci deve essere uno che finisce ultimo, così mi sacrifico per gli altri’ “.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy