Palermo: Enigma Manuel Arteaga. L’incontro con Schelotto, l’idea di Ballardini. Ecco il futuro del venezuelano

Palermo: Enigma Manuel Arteaga. L’incontro con Schelotto, l’idea di Ballardini. Ecco il futuro del venezuelano

Alla scoperta del mistero relativo all’attaccante prelevato a titolo definitivo pochi giorni fa.

19 commenti

Un sorriso intriso di grandi aspettative e quella maglia rosanero numero 19 mostrata con fierezza a fotografi e operatori dell’informazione: questa l’immagine simbolo della presentazione ufficiale di Manuel Arteaga, attaccante classe ’94 proveniente dal club venezuelano dello Zulia. Il vice presidente Guglielmo Micciché, nelle vesti di cerimoniere, introdusse il nuovo acquisto al pubblico e agli addetti ai lavori definendolo un investimento importante sulle cui qualità, dirigenza e staff tecnico riponevano grandissima fiducia. I 17 gol, con relativo titolo di capocannoniere del campionato vinotinto, costituivano una promettente referenza, pur nella consapevolezza della profonda complessità tattica e del diverso livello di  competitività della Serie A italiana, torneo in cui il ‘Barracuda‘ da lì a poco avrebbe dovuto cimentarsi.

Istantanee nitide e recenti sul piano temporale, ma che ad oggi appaiono soltanto un lontano ricordo. Dopo aver versato allo Zulia circa 800mila euro per acquisire l’intero cartellino del calciatore, al quale ha fatto sottoscrivere un contratto della durata quattro anni e mezzo, il Palermo sembra repentinamente essersi ricreduto sulla bontà dell’operazione compiuta.

Una situazione davvero singolare, quello attualmente vissuta dal giovane delantero venezuelano che ha visto radicalmente mutare considerazione e giudizi nei suoi confronti dopo appena una ventina di giorni, senza aver mai calcato il terreno di gioco in una gara ufficiale con il suo nuovo club. Quella maglia numero 19, con ogni probabilità, Manuel Arteaga non avrà mai il piacere di indossarla, quantomeno non in questa stagione calcistica.

Tre settimane di allenamento in gruppo sembrano non essere bastate al venezuelano per convincere dirigenza e staff tecnico a concedergli una chance a breve termine che gli consenta quantomeno di provare di mostrare il suo valore. Al suo attivo, soltanto una convocazione collezionata nella convulsa e vittoriosa trasferta di Verona che ha fatto da preludio all’esonero di Davide Ballardini. In mezzo, tanto impegno, sudore e voglia di mettersi in luce agli occhi di tecnico e compagni, ed il fardello di una serie di illazioni non meglio precisate su presunte anomalie nello stile della sua corsa. “Arteaga? Mi hanno detto che corre male, oggi sono qui per verificare personalmente“: queste le parole del patron alla vigilia della seduta di rifinitura della sfida casalinga contro la Fiorentina, gara che vedrà il venezuelano escluso dalla lista dei convocati. Elenco dal quale verrà escluso anche in occasione della partita rovinosamente persa dai rosa contro il Genoa a Marassi. A fare da contraltare le buone referenze fornite su di lui da alcuni compagni, tra i quali Mato Jajalo (qui le sue dichiarazioni) e Oscar Hiljemark, dopo averlo visto all’opera nel corso delle sedute d’allenamento condivise. Parole lusinghiere in merito alle potenzialità del classe ’94 sono state spese anche dall’ex tecnico del Palermo, Davide Ballardini, che ha avuto modo di allenarlo e di monitorarlo da vicino,  non soltanto in sede di conferenza stampa. Secondo indiscrezioni raccolte dalla redazione di Mediagol.it, il mister ravennate avrebbe apprezzato la risolutezza e il fiuto nei sedici metri dell’attaccante venezuelano, tanto da suggerire il suo nome all’attuale ds del Cesena Rino Foschi per completare il reparto offensivo del club romagnolo, in corsa per la promozione in Serie A. La convocazione del Bentegodi funge da suffragio a questa tesi: era nelle intenzioni del tecnico, se fosse perdurato il suo mandato, concedere al venezuelano la chance del debutto nelle settimane successive.

Un alone crescente di scetticismo ha inevitabilmente minato il morale del ragazzo giunto in Sicilia con ben altre aspettative. Il ritorno a disposizione di Djurdjevic ha ulteriormente ridotto lo spazio per l’attaccante venezuelano ed il contestuale arrivo del giovane terminale ungherese, Norbert Balogh, ha costituito un messaggio neanche troppo subliminale da parte della dirigenza rosanero. Il ragazzo non viene ritenuto attualmente pronto e idoneo a dare un contributo fattivo nell’immediato al Palermo di Maurizio Zamparini. Ragion per cui il management, nella persona del ds Manuel Gerolin, ritiene opportuno testare la stoffa e i margini di crescita del ragazzo, imbastendo una cessione in prestito che possa consentirgli continuità di impiego.

Approfondisci: Palermo: il vento dell’Est e l’ombra del Chelsea di Abramovich sul club di Zamparini. Chi c’è dietro le recenti operazioni di calciomercato

Di concerto con l’agente venezuelano del calciatore, Daniel Yamin, l’ex capo-scouting dell’Udinese sta lavorando per trovare la soluzione ideale. L’opzione maggiormente caldeggiata dal dirigente rosanero sarebbe l’approdo all’Hajduk Spalato, club vicino all’attuale management serbo Lemic-Curkovic, binomio di intermediari e consulenti di mercato che godono attualmente della massima fiducia da parte del patron friulano: stessa destinazione scelta per il difensore argentino Julian Velazquez nella scorsa sessione di mercato. Il giocatore auspicherebbe una destinazione italiana, anche in serie cadetta, nella convinzione di potersi ritagliare gradualmente uno spazio nel nostro calcio. Cesena, Novara e Perugia i club che al momento hanno effettuato un timido sondaggio interlocutorio.

Curioso siparietto nella serata di domenica: Manuel Arteaga ha incrociato il neo-tecnico rosanero, Guillermo Schelotto, appena arrivato all’hotel che lo ha ospitato nella sua prima notte nel capoluogo siciliano. Saluti cordiali e convenevoli di rito tra i due, con il mister del Palermo che ha chiesto lumi al ragazzo per provare meglio a comprendere quale fosse la sua situazione unitamente alle sue prospettive future.

19 commenti

19 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. nick - 2 anni fa

    ma come?miccichè nni cuntò che il suo arrivo era la prova che ci stavamo rinforzando e che non è andato ai mondiali PER CASO!!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. george - 2 anni fa

    Ma Zamparini non era quelli che ci capiva di calcio? Ora a chi affibbierà la responsabilità di questo nuovo flop? Non sarebbe meglio che chiarisse,sia per rispetto verso i tifosi sia per una maggiore trasparenza, cosa sta succedendo a livello societario? Infine vorrei tributarie un plauso alla dignità mostrata dal Sig. Pozzo. Un presidente che mira alle plusvalenze essendo un imprenditore, ma che ha sempre messo in campo una squadra più che dignitosa. Noi invece abbiamo Zamparini!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Johnny69 - 2 anni fa

    Questo dimostra la pochezza degli addetti ai lavori che orbitano intorno
    a questa società di sprovveduti….e la cosa allucinante che nutrono della più totale fiducia e autonomia da parte del presidente….che secondo me si bea a veder distruggere quanto di buono fatto nei primi e lontanissimi anni…CHE SCHIFO…adesso vedremo San Schelotto se contribuirà a rendere questo casino in inferno…xkè sicuramente dopo aver visto le belle statuine presenziare a Marassi sicuramente chiederà lumi e rinforzi dall’Argentina per cercare di migliorare le cose che a mio modesto parere è affetto da cancro incurabile in stadio terminale…..VERGOGNATEVI…….
    P.S. Già l’Udinese con in testa l’allenatore x caricare giocatori ed ambiente proclamano una facile vittoria al Barbera…voi tutti avete sentito interviste di scuse da parte della società, giocatori,allenatore(Viviani),o presidente? Buio pesto e silenzio totale…indice di totale menefreghismo e maleducazione nei confronti di noi tifosi che stiamo mettendo a dura prova coranarie,fegato e sistema nervoso…………

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. pablito - 2 anni fa

    e una vicenda davvero assurda. Ma un giocatore non si dovrebbe acquistare dopo mesi e mesi di osservazione? Poi maGARI PUò CAPITARE CHE SI ABBIA QUALCHE PROBLEMA DI AMBIENTAMENTO. MA NON SI PUò COMPRARE UN GIOCATORE E POI DIRE, NON ABBIAMO VISTO BENE, E UNA ATTA UBRIACA. MA STIAMO SCHERZANDO? QUESTA è UNA BARZELLETTA. bUTTA FUORI iACHINI E NON BUTTA FUORI CHI GLI HA DETTO DI COMPRARE ARTEAGA?. mA COSA C ‘è DIETRO QUESTE STORIE? SONO TROPPO STRANE.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Marco Catalano - 2 anni fa

    Ma non era il nuovo Dybala? Ah, è il nuovo Dybala nel senso che non gioca nel Palermo!… Non l’avevo capito…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Gabriele Ruisi - 2 anni fa

    800 milioni buttatai nel cesso. Poi si lamenta che fa rosso. Ma non lo capisce che questa gestione è follia pura. Rincorrere la plusvalenza per coprire i costi di tutti i bidoni che passano per viale del fante. Ma voi giornalisti, perché non gli fate queste domande?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Gabriele Ruisi - 2 anni fa

      Volevi dire 800.000 euro, manco fosse messi :-)

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. ronemax - 2 anni fa

        Eh si… Queste sono quelle operazioni che fugano ogni dubbio sul fatto che zampa ne capisca di calcio…

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Antonello Provenzano - 2 anni fa

    “Il Nuovo Batistuta” s’affumò …

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. spargi49 - 2 anni fa

    Rigoni l’ha definita una gabbia di matti,mi sto convincendo che ha ragione.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Noncisicrede - 2 anni fa

    Che tristezza.
    Tutto si commenta da sè e le politiche di questa società sempre più allo sbando portano questi frutti.
    Investire poco e male.
    Tanto vale lasciare stare sti ragazzi nei loro campionati e nei loro rispettivi paesi piuttosto che portarli qui a riscaldare la panchina o spostarli in primavera.
    Sappiamo tutti che qui a Palermo la primavera non ha alcun valore.

    Dirigenza sempre più imbarazzante.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Claudio Garini - 2 anni fa

    Ci sn ancora Santacroce, Mariga e Bidauoi da poter prenderli da svincolati cosi avete pronti i giocatori x la b

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. Pietro Giunta - 2 anni fa

    E scarso precedentemente scartato dal Parma quando in casa abbiamo un certo la gumina

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. Danilo Gariffo - 2 anni fa

    I soliti soldi spesi a cavolo da Zamparini,che acquista tanto per fare tappare la bocca ai tifosi

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. Andrea Lo Iacono - 2 anni fa

    Epilogo già scritto prima di cominciare se era un campione nel suo paese doveva segnare almeno 50 gol in un anno o avere una media da extra terrestre e no solo 17 miseri gol ……..LoresValera 2.0 solo il lega pro fa faville con il pisa

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. Giovanni La Sala - 2 anni fa

    Giocatore pronto…. Per il cassonetto

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. Rosario Houdini Cerro - 2 anni fa

    Dici? Due giocatori da cnd non per niente era stato rifiutato dal Bassano

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  16. Matthijs Klerkx - 2 anni fa

    Non può essere peggiore che Djurdjevic

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Noncisicrede - 2 anni fa

      Mi trovo d’accordo!

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy