Calciomercato Palermo: situazione Borriello, dall’ingaggio all’ipotesi Udinese. Ecco cosa ha convinto Zamparini e Foschi

Calciomercato Palermo: situazione Borriello, dall’ingaggio all’ipotesi Udinese. Ecco cosa ha convinto Zamparini e Foschi

Il Palermo ha “prenotato” l’attaccante classe ’82, che però è seguito anche dall’Udinese. Foschi prova a sbaragliare la concorrenza dei friulani.

11 commenti

Un’indiscrezione, quella fatta rimbalzare in mattinata, che ha catalizzato l’attenzione in toto dell’ambiente rosanero.

Alle parole potrebbero seguire i fatti. Dopo quanto dichiarato da Zamparini nel corso della scorsa settimana (“Gilardino? Non so se resterà”), i rosanero sembrerebbero intenzionati a passare all’azione: il futuro del bomber biellese – che coi suoi 10 goal ha contribuito a una salvezza che era quasi sfuggita di mano – è sempre più lontano dalla Sicilia. L’ingaggio di un milione netto a stagione per i prossimi due anni non sta per nulla bene al presidente rosanero che – è risaputo – se ne vorrebbe liberare.

Nessun contatto fin qui tra l’entourage del calciatore e la società di viale del Fante che, a dirla tutta, non attenderebbe altro che un’avanzata da parte di un club intenzionato ad acquistare il cartellino del quasi 34enne attaccante ex Fiorentina e Milan. Zamparini si augura che il rapporto con Gila termini già nelle prossime settimane, anche perché Rino Foschi avrebbe individuato, insieme al suo collaboratore Giuseppe Corti, il sostituto dell’ex Guangzhou: è Marco Borriello, attaccante rinato negli ultimi mesi all’Atalanta, squadra di Corti fino a qualche giorno fa.

Atalanta, il presidente Percassi e la stoccata a Corti: “Lavora per il Palermo, ma è un nostro dipendente”

Nel complesso, l’ultima stagione del bomber campano non è stata proprio esaltante: panchina e difficoltà al Carpi, un po’ più di gioie tra i bergamaschi. Il merito di questa rinascita in Lombardia sarebbe da attribuire a dott. Saverio Militano, nutrizionista celebre per aver fatto perdere circa 20 chilogrammi al presidente della Lazio, Claudio Lotito. Sotto la sua supervisione, Borriello ha riacquisito la linea e si è rimesso in forma. Non abbastanza, tuttavia, per convincere l’Atalanta a continuare a puntare su di lui: la Dea, infatti, ha preferito spendere qualche milione in più e accaparrarsi le prestazioni di Paloschi, piuttosto che continuare ad avvalersi del 34enne Borriello.

Adesso per lui si aprono le porte del mercato e, come già evidenziato, il Palermo vorrebbe stringere i tempi per metterlo a disposizione del tecnico Ballardini: la proposta all’entourage del calciatore, Andrea D’Amico, consisterebbe in un contratto biennale a cifre leggermente inferiori a quelle che la società esborserebbe per pagare l’ingaggio di Gilardino fino al 2018.

La domanda che, infatti, si pone la tifoseria palermitana in queste ore è: “Che logica avrebbe un’operazione del genere?”. Per Foschi e Zamparini le motivazioni di questo eventuale affare sarebbero due: da un punto di vista finanziario, il club verrebbe a risparmiare alcune centinaia di migliaia di euro; sul piano tattico – sempre secondo l’area tecnica dei siciliani – un calciatore meno terminale offensivo e più mobile come Borriello sarebbe considerato più funzionale nell’ambito del 4-3-3 che ha in mente di attuare Zamparini per il Palermo che verrà.

Palermo-Borriello, l’affare sembra possibile, ma per avere ulteriori notizie bisognerà attendere ancora qualche giorno. E a monitorare la situazione sarebbe anche l’Udinese di Pozzo, pronto ad inserirsi qualora i rosanero non riuscissero a vendere nel più breve tempo possibile Gilardino, conditio sine qua non per andare definitivamente all’assalto di Borriello.

Di’ la tua: preferisci GILARDINO o BORRIELLO?

Caricamento sondaggio...
11 commenti

11 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Fabio Yanez - 9 mesi fa

    34 anni e va per i 35……

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Antonio Arnone - 9 mesi fa

    Mi auguro sinceramente che chiuda con l’Udinese!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Giulio Landi - 9 mesi fa

    Nell’ articolo scrivono l’ Atalanta preferisce pagare qualche milione in piu’ e liberarsi di Borriello noi l’ esatto contrario questa non e’ una seria programmazione sembra sia tutto studiato a tavolino da Zamparini e Foschi per andare in B .

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. xmen - 9 mesi fa

    Il solito mercato illogico di Zamparini! Che senso ha scaricare uno come Gilardino che ha mostrato grande attaccamento alla maglia rosanero e contribuito alla salvezza del Palermo e prendere uno come Borriello che ha più o meno la stessa età e lo stesso ingaggio di Gila? Comunque già sappiamo come finirà: verrà fatto fuori Gilardino e Borriello alla fine si accaserà con qualche altra squadra.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Pippo Lo Cascio - 9 mesi fa

    È una comica

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Andrea Giamporcaro - 9 mesi fa

    Vogliamo Gilardino!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Giuseppe Geraci - 9 mesi fa

    Gilardino merita di restare nel Palermo…. tanti “altri” invece meritano la lega pro.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Umberto Cordone - 9 mesi fa

    Come se Borriello guadagnasse meno…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Rino Giambertone - 9 mesi fa

    L’ingaggio di 1miluibe non sta bene a zamparini? Perché il contratto chi l’ha firmato? Forse dimentica che dopo essersi intascato a maggio i 40miluoni di Dybala e ad agosto i 10 di belotti a fine agosto si è trovato a prendere l’unico che c’era ancora in circolazione (fermo da 6mesi)
    Fossi in gila glieli farei pagare tutti, fino all’ultimo centesimo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. nick - 9 mesi fa

    Per me la cosa più assurda della vicenda è che mz decida il modulo quando ballardini predilige il 4312

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. Saso - 9 mesi fa

    Che tristezza. Siamo anche più poveri dell’Atalanta… quelli comprano Paloschi, noi dobbiamo prendere i loro scarti. Grazie Zamparini, grazie davvero per tutto questo schifo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy