Empoli, Maccarone: “Pugno tifoso a Mchedlidze? Mamma dei cretini sempre incinta!”

Empoli, Maccarone: “Pugno tifoso a Mchedlidze? Mamma dei cretini sempre incinta!”

Il capitano dei toscani commenta l’episodio accaduto nel post-gara di Empoli-Sassuolo, quando Mchedlidze ha ricevuto un pugno da un tifoso.

Commenta per primo!

Un ko che brucia più del normale per l’Empoli di Giovanni Martusciello che, nell’ultimo turno di campionato, ha visto il Crotone avvicinarsi, sebbene di un solo punto.

SERIE A, QUI LA CLASSIFICA AGGIORNATA E LA LOTTA SALVEZZA

Al termine della gara, scintille tra Levan Mchedlidze (che neanche aveva giocato) e un gruppo di tifosi, uno dei quali avrebbe anche sferrato un pugno al georgiano (qui i dettagli). Dopo la presa di posizione del presidente del club, Fabrizio Corsi (leggi qui), ecco le parole del capitano della squadra azzurra sull’episodio. “Sono qui da anni e conosco tanti tifosi – premette Massimo Maccarone, intervenuto quest’oggi in conferenza stampa -. Non generalizziamo e non facciamo di tutta l’erba un fascio, perché si sa che la mamma dei cretini è sempre incinta. Andiamo avanti, sappiamo che queste cose non sono da Empoli. Chi viene allo stadio deve tifare per noi, è normale che ci siano dei fischi ma se i nostri sostenitori vogliono aiutarci mi auguro che ci sostengano. Mi dispiace per Levan Mchedlidze, lui dà sempre tutto ma sarebbe stato lo stesso anche per un altro”.

Maccarone torna sull’ultimo match disputato e perso in stagione. “Non ci aspettavamo una sconfitta col Sassuolo, abbiamo passato un brutto periodo ma anche due splendide settimane. L’entusiasmo comunque c’è, anche se dopo la gara di domenica siamo molto amareggiati. L’importante è rimettersi a posto con la testa e affrontare la gara col Bologna con forza e determinazione. Sarà una gara fondamentale”, ha aggiunto l’attaccante classe ’79. “Adesso è fondamentale trovare equilibrio, è importantissimo mantenere la calma. Non dobbiamo crearci nella testa delle cose che ci tolgono energie: abbiamo la fortuna di avere ancora qualche punto di vantaggio e quindi il destino è nelle nostre mani. Sta a noi mettere dentro tutto quello che abbiamo per mantenere il divario col Crotone”. E sul Bologna“Nessuno regala niente, ma le motivazioni più forti dovremo averle noi. Vogliamo raggiungere il nostro obiettivo e avere molta più fame di loro”, ha concluso Big Mac.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy