Champions League, Allegri: “Dybala deve crescere. In Europa ci sono squadre straordinarie, mica il Collesalvetti…”

Champions League, Allegri: “Dybala deve crescere. In Europa ci sono squadre straordinarie, mica il Collesalvetti…”

Le parole del tecnico della Juventus al termine del match con l’Olympiacos, che ha permesso ai bianconeri di andare agli ottavi

Commenta per primo!

Missione compiuta per la Juventus, che vincendo 2-0 in Grecia va agli ottavi come seconda nel proprio girone alle spalle del Barcellona. L’allenatore Massimiliano Allegri parla in conferenza stampa a fine partita.

Queste le prime parole del tecnico: “Nella ripresa abbiamo avuto dieci minuti di sbandamento, ho tolto Dybala per mettere un centrocampista per riprendere la partita in mano. Abbiamo sbagliato tanto tecnicamente ma dovevamo chiudere la partita. Quando l’avversario va ucciso, va ucciso, non si può lasciare in vita. Per fortuna Szczesny ha fatto due grandi partite perché a volte entrano paura e fretta e lì dobbiamo migliorare”. Sul momento non certo positivo che sta attraversando Dybala: “Non sta facendo prestazioni al suo livello, lo sa anche lui. Ora, semplicemente, visto che è un ragazzo di 24 anni molto intelligente, deve crescere. Deve capire che, quando le cose non vengono, tutto deve diventare ancora più semplice”.

Poi passa a parlare di Inter, con un pensiero già al big match di sabato: “È’ un’altra squadra, questa è una gara diversa da Napoli. Stasera dovevamo far meglio sull’1-0, chiudendola con cattiveria, risparmiando anche 60 minuti di partita. Sabato c’è l’Inter: giocherà chi sta in piedi, ma sarà una gara diversa da Napoli e Olympiacos. Alcuni hanno riposato e magari sabato giocheranno”. Sull’ossessione Champions League“La Juventus ha giocato otto finali di Champions ed è un evento mondiale. Vincerla non è vincere il torneo dei bar: ci sono squadre straordinarie, il primo obiettivo è passare il girone, poi gli ottavi. Non sono presuntuoso: credo che la squadra possa arrivare in finale. Cerchiamo di essere positivi, è più facile che le cose vengano dalla nostra parte. Poi le perdi le finali, che non giochi contro il Collesalvetti… Con tutto il rispetto per il Collesalvetti, chiaro”.

Infine si esprime sul sorteggio degli ottavi: “Fateci incontrare ancora il Barcellona… Per la legge delle grandi possibilità, ci sono quattro inglesi prime, il Besiktas e il PSG. Credo che prenderemo un’inglese, a occhio e croce” conclude il tecnico bianconero.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy