Palermo: Baccaglini e il verbale del CdA, decide tutto Zamparini. Il documento

Palermo: Baccaglini e il verbale del CdA, decide tutto Zamparini. Il documento

Rivelato il contenuto del verbale del CdA del Palermo Calcio e riporta: Zamparini decide ancora tutto e Baccaglini…

1 Commento

Mentre Paul Baccaglini si trova presso la sede di Confindustria a Palermo (a breve l’intervista), emergono ulteriori retroscena relativi all’operazione Palermo Calcio.

Ad oggi, è noto, il proprietario del club di viale del Fante rimane Maurizio Zamparini, mentre tra il 19 e il 30 aprile l’ex Iena prima presenterà le società che intendono di fatto acquistare la società siciliana, poi la rileverà in tutto e per tutto. Solamente dopo, l’attuale presidente del Palermo diverrà anche patron.

Secondo quanto riportato nel verbale del CdA del club rosanero dello scorso 7 marzo 2017, documento ufficiale di cui il portale Calcio e Finanza rileva il contenuto, Paul Baccaglini è entrato ufficialmente in società, prendendo nel Consiglio d’Amministrazione il posto del dimissionario Paolo Diego Zamparini, figlio di Maurizio: ruolo che Baccaglini manterrà “fino alla prossima assemblea dei soci“, di cui però non è specificata la data nel documento.

Non sono state le uniche dimissioni di cui il CdA ha preso atto: il 28 febbraio scorso Maurizio Zamparini si è dimesso da presidente del Palermo. Come suo sostituto è stato scelto lo stesso Baccaglini, a cui “spetta la rappresentanza della società di fronte ai terzi“.

Zamparini: “Baccaglini non capisce di calcio, ma farà bene. Il mio futuro…”

Restano invece di competenza del Consigliere Delegato Maurizio Zamparini “tutti i poteri di ordinaria e straordinaria amministrazione”, “la firma e la rappresentanza legale della società di fronte ai terzi ed in giudizio per tutto quanto sia di competenza esclusiva del Consiglio di Amministrazione e/o dell’Assemblea” e “la firma e la rappresentanza della società relativamente all’attività inerente la gestione sportiva della stessa, innanzi ad autorità sportive quali, esemplificamente, CONI, FIGC, LNP e CoViSoc, nonché nei confronti delle altre società sportive e dei giocatori, compiendo tutte le operazioni occorrenti per formalizzare gli accordi di cessione e acquisto dei diritti di utilizzo delle prestazione dei giocatori, nonché ogni altro atto ad essi relativo”. Inoltre, Zamparini ha la “facoltà di delegare qualsiasi dei poteri sopraelencati a qualunque funzionario o dipendente della Società”.

1 commenti

1 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Pia Maggiore - 2 mesi fa

    È normale e logico che sia così, almeno fino a quando non verrà formalizzato il passaggio di proprietà. Solo allora il CdA potrà ratificare il tutto

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy