Mediagol
I migliori video scelti dal nostro canale

La preview

Serie A, 25a giornata: Napoli-Inter sfida scudetto, Atalanta-Juve per la Champions

TURIN, ITALY - FEBRUARY 06: Denis Zakaria of Juventus celebrates after scoring his team's second goal with teammate Dusan Vlahovic during the Serie A match between Juventus and Hellas Verona FC at Allianz Stadium on February 06, 2022 in Turin, Italy. (Photo by Filippo Alfero - Juventus FC/Juventus FC via Getty Images)

La venticinquesima giornata di Serie A è ormai alle porte: Napoli-Inter e Atalanta-Juventus le sfide di cartello. La preview del turno di campionato

⚽️

Riparte il campionato di Serie A con la 25a giornata dove andranno in scena sfide di cartello, valide per le parti alte della classifica come Napoli-Inter e Atalanta-Juventus, oltre allo spartiacque della lotta salvezza tra Genoa e Salernitana.

Ad aprire la venticinquesima giornata sarà la sfida dell'Olimpico tra Lazio e Bologna, in programma sabato alle ore 15. La compagine biancoceleste arriva al match contro gli emiliani da squadra incomprensibilmente altalenante, in grado di vincere con solidità sul campo della Fiorentina, per poi deludere nettamente nel confronto in Coppa Italia contro il Milan. Gli uomini di Mihajlovic vanno a caccia di punti pesanti per consolidare il posto a metà classifica, che garantirebbe nel percorso fino a fine stagione una salvezza tranquilla.

Allo stadio "Diego Armando Maradona"  alle ore 18.00 è in programma la gara scudetto tra la capolista Inter e l’inseguitrice Napoli, distante solo un punto dalla Beneamata. A pieno regime la franchigia partenopea, che arriva da quattro vittorie consecutive con la possibilità di agguantare il primato in classifica. Spalletti ritrova figure fondamentali come quelle di Koulibaly e Zambò Anguissa dopo l'impegno in Coppad'Africa, che garantiranno più stabilità difensiva e fluidità nella costruzione dal basso. La squadra di Simone Inzaghi prosegue il suo tour de force dopo la sconfitta nel derby contro il Milan e la convincente vittoria per 2-0 rifilata alla Roma di Mourinho.

Il posticipo del sabato di Serie A si disputerà come di consueto alle ore 20:45 tra Torino e Venezia, con la caccia ai punti salvezza di cui necessitano gli uomini di Zanetti, scivolati al diciottesimo posto, scavalcati dal performante Cagliari di Mazzarri. Per i granata di Juric la possibilità di ritrovare la vittoria che manca dal 15 Gennaio contro la Sampdoria, terminata 1-2 per i piemontesi.

La domenica di campionato si apre allo stadio "San Siro" con il "Lunch Match" tra Milan e Sampdoria che mette a confronto due formazioni dagli organici nettamente diversi e dagli obiettivi opposti. Gli uomini di Pioli viaggiano sulla scia dell'entusiasmo iniziata proprio con la vittoria sui cugini nerazzurri nel derby e proseguita dal successo maturato tra le proprie mura contro la Lazio in Coppa Italia. Ancora una volta protagonista è stato Olivier Giroud, autore di due doppiette consecutive dal peso specifico non indifferente. Oltre al centravanti francese, i meneghini sembrano aver ritrovato consapevolezza nei propri mezzi, coraggio e coralità nella fase offensiva. I blucerchiati guidati dall'ex rossonero MarcoGiampaolo arrivano da una grandiosa vittoria per 4-0 contro il Sassuolo, con il neo acquisto StefanoSensi subito decisivo in Liguria. L'intenzione sarà quella di migliorare il distacco ancora troppo basso dalla zona calda della classifica.

Le gare delle ore 15.00 rappresentano un vero e proprio spartiacque per la salvezza. L'Empoli ha la possibilità contro il Cagliari di tornare a centrare i tre punti che mancano dal lontano 10 dicembre scorso. I sardi, d'altro canto, vogliono dare continuità al percorso di tre vittorie, un pareggio ed una sola sconfitta nelle ultime 5 gare di campionato con l'obiettivo di tenere distaccato il Venezia attualmente a sole tre lunghezze dai rossoblù.

Allo stesso orario al "Bentegodi" di Verona andrà in scena il confronto tra Hellas ed Udinese. Da una parte i veneti con l'obiettivo di stare agganciati alle prime otto della classe, ed i bianconeri di Cioffi a caccia di continuità dopo il successo casalingo contro il Torino. Infine Genoa-Salernitana, partita da dentro o fuori per il tecnico dei granata Stefano Colantuono che, dopo la mancata vittoria contro lo Spezia, è obbligato a portare i tre punti a casa per salvare la panchina, attualmente insidiata dai nomi di Claudio Ranieri, Davide Nicola e Serse Cosmi. Per gli uomini di Blessin è importante ritrovare il gol. Il tecnico tedesco ha migliorato notevolmente la fase difensiva, conferendo maggior aggressività alla propria squadra, ma adesso per conquistare la tanto agognata salvezza c'è da lavorare in termini realizzativi. Alle ore 18.00 al "Mapei Stadium" la sfida tra il Sassuolo di Dionisi e la Roma di Josè Mourinho. Quest'ultimo dimostratosi altamente polemico sulla classe arbitrale italiana, provando a giustificare così mancanze troppo grossolane come un gioco estremamente incostante e la quantità eccessiva di punti persi con le piccole. Una Roma troppe volte a singhiozzo in questa stagione, che dovrà affrontare un avversario temibile come quello emiliano.

Il posticipo delle 20:45 tra Atalanta e Juventus rappresenta il big match in chiave Champions League, con in palio il quarto posto in classifica, che vede ad oggi i bianconeri favoriti, visto il netto distacco tra i due organici. Occhio comunque agli uomini di Gasperini che arrivano da una brutta sconfitta casalinga contro il Cagliari, e cercheranno di riscattare questo deludente risultato. Pesanti le assenze di Zapata e Ilicic per i nerazzurri. La compagine guidata da Massimiliano Allegri si presenterà nuovamente con il tridente formato da Morata, Vlahovic e Dybala. Una vittoria garantirebbe di diritto alla Juventus una piccola possibilità di rientrare nella corsa scudetto, da sempre rinnegata dal tecnico livornese per il distacco di punti dalle prime tre della classe.

A chiosare il venticinquesimo turno, lo scontro tra Spezia e Fiorentina. Torna da avversario all' "Alberto Picco" Vincenzo Italiano, che con la sua Fiorentina quest'anno sta facendo faville, rivitalizzando la squadra e imprimendo un'identità tangibile. La Viola arriva da un pesante 0-3 casalingo subito dalla Lazio, con il debuttante Cabral a secco, cercherà di trovare la prima rete proprio contro i bianconeri.

 

 

tutte le notizie di