Palermo: Novità in vista contro il Parma. Quali mosse ha in mente Tedino?

Palermo: Novità in vista contro il Parma. Quali mosse ha in mente Tedino?

L’emergenza figlia dell’esodo dei tesserati convocati dalle rispettive Nazionali induce il tecnico rosanero ad una serie di riflessioni. Possibili novità tattiche in vista del match contro il Parma.

Fare di necessità virtù. Questo l’unico modo per Bruno Tedino di provare a gestire l’emergenza dovuta all’esodo dei nazionali in vista della sfida contro il Parma. Uomini contati in ogni reparto per il tecnico rosanero.  Urge compiere scelte mirate e intrise di oculatezza, al fine di schierare il migliore undici iniziale e garantirsi valide opzioni per apportare i giusti correttivi in corso d’opera.

Riflette e paventa cambiamenti l’ex coach del Pordenone. Contro i ducali il consueto 3-5-1-1 potrebbe andare per una settimana in soffitta.

Tedino sta seriamente pensando di proporre un inedito rombo in casa Palermo.

Quel 4-3-1-2 a lui tanto caro, foriero di successi e gratificazioni per il Pordenone che ha sfiorato la promozione in B per due stagioni consecutive.

L’idea, anzi l’esigenza, nasce dalla moria di difensori nella fattispecie, vista l’assenza simultanea di Struna e Cionek e l’indisponibilità perdurante di Rajkovic.

Scalare Dawidowicz nel ruolo di centrale di destra ed affiancarlo a Bellusci e Szyminski nella solita linea a tre sarebbe stata la soluzione più ovvia.

Tuttavia, la padronanza nel ruolo di interno in zona nevralgica mostrata dal classe 95, che ha denotato fosforo, fisicità e piede educato, ha molto colpito Tedino.

L’allenatore rosanero non vuole rinunciare al talento polacco in mezzo al campo.

Ragion per cui si va verso una difesa a quattro: Pomini rileverà l’assente Posavec tra i pali. Bellusci e Szyminski coppia di centrali, Rispoli e Morganella a presidio delle corsie. Murawski, Gnahoré e Dawidowicz cerniera di centrocampo, con i due polacchi a contendersi il ruolo di vertice basso.

Coronado giostrerà tra le linee a supporto di Embalo e La Gumina.

Monachello andrà in panchina, qualche chances di tornare tra i convocati anche per il giovane esterno Rolando.

Tedino potrebbe quindi coniare un 4-3-1-2 o un 4-3-2-1 in subordine all’esatta disposizione del trio offensivo. Embalo potrebbe agire da seconda punta pura al fianco di La Gumina o, in alternativa, muoversi tra le linee con Coronado a supporto del giovane attaccante palermitano nel ruolo di terminale offensivo di riferimento.

Cambiamenti in vista in casa Palermo: c’è da domare il Parma e battere contestualmente l’emergenza in organico.

 

4 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. robertolobugli_433 - 2 anni fa

    scusate la domanda ma….Balogh che fine ha fatto?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. alfonsogalub_696 - 2 anni fa

      Sta cercando di capire se è più forte di Pastore o più forte di Dybala. Prima chiarisce questa cosa e poi gioca. 🙂

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Ciccio - 2 anni fa

      Perché né senti la mancanza? La verità è che sta capendo che lavoro deve fare perché il giocatore non è il suo

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Cassaro Amedeo - 2 anni fa

    L’unica nota positiva delle nazionali è senza dubbio la titolarità di pomini!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy